Inter, Ausilio: “Kovacic interessa anche a noi”. Touré? “Non è facile”

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui

fc-inter-LOGO
Il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, è stato intervistato a Perugia. Ecco le sue parole:

Suning?: “Sto attendendo anche io le ultime notizie. E’ una cosa che è arrivata abbastanza veloce, visto che si era sempre parlato di un discorso per la quota di minoranza, invece nell’ultima settimana c’è stata l’accelerata da parte di questo gruppo cinese. So che sono in corso le trattative, per ora è inutile esprimersi: aspettiamo le firme”.

Mercato?: “Io penso che il Fair Play Finanziario vada al di là di ogni discorso sulla redistribuzioni delle quote del club. L’Inter deve attenersi a questi obblighi e, indipendentemente dalla buona riuscita di questa trattativa, il problema rimane”.

Touré?: “Ho smentito la storia delle visite mediche perché non è vera. Non mi sembrava il caso di lasciare pensare a cose che non ci sono. Touré è un giocatore che non ha bisogno di presentazioni, che piace a Mancini e piace a chi fa calcio. Da qui a dire che ci sono possibilità per portare avanti questa operazioni ce ne passa. E’un’operazione difficile perché Yaya è un giocatore sotto contratto con il City, un dei club più ricchi del mondo. Poi non può liberarsi a condizioni semplici, ha dei costi di contratto altamente impegnativi: insomma, l’operazione non è facile”.

Leggi anche:  Kolarov, addio Inter a zero: su di lui c'è il Tottenham

Kovacic?: “Mateo al Milan o alla Juve? Mi dispiacerebbe vederlo con un’altra maglia perché sono affezionato a Kovacic. E’ stato preso da ragazzino, poi è stato valorizzato e quindi venduto ad una cifra importante al Real. Ora, mi auguro che prosegua il suo percorso a Madrid, una squadra che ha appena vinto la Champions. E’ vero che non ha giocato tantissimo, ma in queste squadre la continuità la trovi col tempo e con l’esperienza. Mateo, per l’età che ha, ha tante presenze in campionati professionistici come la Liga e la Serie A: se ha pazienza, può diventare importante per il Real. Un suo ritorno? Se deve tornare in Italia, egoisticamente spero non lo faccia né al Milan né alla Juve. Lui ancora all’Inter? Abbiamo sempre interesse per un ragazzo come Kovacic, ma al momento non possiamo impostare nulla”.

Leggi anche:  Inter, il punto sulle cessioni

Zebli?: “Sono molto contento per il ragazzo, perché è la dimostrazione di come il percorso di crescita possa avvenire in tanti modi. Noi abbiamo pensato che la cosa migliore per il ragazzo fosse andare a Perugia, in un primo momento pensavamo alla Primavera. Poi ha trovato spazio in Prima squadra e ne siamo contenti. Abbiamo comunque una sorte di gentlemen’s agreement con il Perugia per controllare il destino di questo ragazzo”.

Sinergia col Perugia?: “Ho un ottimo rapporto con la dirigenza del Perugia, quindi loro sanno che per qualsiasi tipo di necessità l’Inter è a disposizione. Per Manaj, come tanti altri giovani, qualcosa faremo, se saranno utili al Perugia”.

Le big in Serie A?: “Non so se non possano più arrivare campioni in Serie A. Non conosco i numeri di Ibra, noi non possiamo neanche approcciarci a questo tipo di giocatori. Poi non so se lo possano fare altri club, mi interessa poco. Noi abbiamo una buona squadra, il nostro centravanti è Mauro Icardi e poi abbiamo altri giocatori importanti nel reparto offensivo. Penso che andremo avanti nel segno della continuità di questi giocatori”.

Leggi anche:  Inter: è tutto fatto per il campione argentino

Mancini?: “Ha tanto entusiasmo, l’ho visto un paio di giorni fa e abbiamo parlato della prossima stagione. Noi siamo assolutamente concentrati a fare bene con l’Inter, il resto lascia il tempo che trova”.

  •   
  •  
  •  
  •