Koulibaly tuona: “Ho l’impressione che partirò. A Napoli sono scomparsi e ci sono dei club che mi vogliono”

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi Segui
Kalidou Koulibaly dovrebbe prolungare il contratto con il Napoli
E’ tempo di cessioni e di nuovi arrivi nel calcio. Ogni giorno sui quotidiani sportivi e sui social network impazzano notizie di mercato, rumors, voci, dichiarazioni e altro ancora. Dunque, il calciomercato sta invadendo, nel vero senso della parola, giornali e siti. Tutti gli appassionati di calcio, gli addetti ai lavori e anche i semplici tifosi si informano, scrutano e si attivano affinché possano trovare valide informazioni relative al mercato in entrata e in uscita delle squadre di Serie A. Nonostante la sessione estiva del calciomercato non sia ancora ufficialmente iniziata, bisognerà attendere il 1° luglio infatti, il clima in merito è già rovente e sono innumerevoli i profili che di giorno in giorno vengono accostati ai vari club.
Tra le notizie che oggi hanno contraddistinto i vari quotidiani sportivi, ce n’è una che ha creato sicuramente sgomento e stupore: le parole di Kalidou Koulibaly in merito alla sua permanenza al Napoli. Il francese, reduce da un campionato straordinario e oggetto del desiderio di molti club, ha aperto ad un possibile addio alla società partenopea, creando immediatamente agitazione tra i tifosi campani. Il difensore classe ’91, la cui crescita vertiginosa ha coinciso con l’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina del Napoli, ha rilasciato delle dichiarazioni particolarmente forti ai microfoni  de L’Equipe, in cui chiarisce quale sarà il suo futuro e qual è l’attuale situazione con la dirigenza napoletana. “Mi restano tre anni di contratto. Quando sono arrivato nel 2014, ho firmato per cinque anni e all’epoca fui molto felice. Ora ho fatto due stagioni positive e ci sono offerte sul tavolo. Farò la cosa che mi favorirà di più, non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto sportivo. Dei club di alto livello mi vogliono e non ho ricevuto alcun segnale dal Napoli. Le trattative per il rinnovo sono ad un punto morto” – parole che suonano senza dubbio come un campanello d’allarme per Aurelio De Laurentiis. Il patron del Napoli non può restare indifferente al cospetto di queste dichiarazioni.
“Ho l’impressione che partirò. A Napoli sono scomparsi e io ho dei club che mi vogliono. Se dovrò andar via lo farò, anche se so cosa devo a questa squadra e ai tifosi. Voglio salire ancora di un gradino e lo potrei fare probabilmente all’estero. Il mio obiettivo è migliorare e questa annata mi ha dato tante conferme. Sono riuscito a tenere alto il mio livello di gioco. La scorsa estate non ero sicuro di restare, non partivo neanche titolare, ma poi ho guadagnato la fiducia dell’allenatore”- continua il gioiello della difesa del Napoli. Dunque, non sembrano esserci le condizioni giuste, almeno per ora, per risanare l’evidente frattura creatasi tra Koulibaly e la società e convincere il giocatore a restare.
Infine, il difensore francese commenta le voci che lo vogliono nella folta lista dei desideri di Antonio Conte per il suo Chelsea: “Non ho ancora parlato con Antonio Conte, ma potrebbe succedere. Se a Napoli non accadrà nulla, comincerò a mettermi in contatto con altre società. Sinceramente amo l’Italia e spero che il mio club mi dia qualche segnale, altrimenti dovrò valutare le altre soluzioni”.

  •   
  •  
  •  
  •