Lazio: tra Bielsa e Prandelli…spunta Inzaghi

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa Segui

tentazione bielsa
La Lazio è ancora alla ricerca di un allenatore: dopo aver sondato decine di tecnici (Lotito di persona si è messo alla ricerca del profilo giusto), la scelta sembra essere fatta.

Il presidente biancoceleste, assieme al direttore sportivo Tare, ha contattato dapprima Cesare Prandelli, che è attualmente svincolato dopo la fine del rapporto con il Galatasaray in Turchia.
Il tecnico di Orzinuovi sarebbe entusiasta di sedere sulla panchina laziale, motivo per cui sembra aver accettato e firmato un contratto preliminare con la Lazio, a 1,5 milioni per 2 anni.

Lotito però ha contattato altri allenatori, come Sampaoli, che è stato a Roma, prima di tornare a casa dopo aver declinato la proposta laziale.
Il nome buono degli ultimi giorni sembra essere “El Loco” Bielsa, che ha interrotto il rapporto con il Marsiglia (tra le polemiche per aver “sfasciato” lo spogliatoio).
Bielsa avrebbe richiesto un contratto lungo, ad almeno 2,5 milioni di euro netti all’anno.

Leggi anche:  Inter, avviati contatti con il Barcellona per l'esterno mancino

Una richiesta che apparentemente sembra difficile da esaudire per il presidente laziale, visto anche lo stipendio di Pioli (fino al 2017) . Invece proprio il ds albanese, presente in questi giorni in Francia per seguire la sua nazionale, ha confermato i contatti con Bielsa e l’accordo imminente.

Un nome, quello di Bielsa, che sicuramente porterebbe entusiasmo in una parte della capitale dove manca da tanto tempo. La gente tornerebbe allo stadio, e la Lazio potrebbe riaprire un ciclo vincente.

L’allenatore argentino però, chiede le dovute garanzie al presidente, con una campagna acquisti importante e dispendiosa, e soprattutto senza smantellare la rosa (si parla delle cessioni di Candreva, Biglia, Felipe Anderson…).

Altro fattore importante sarà il carattere dell’argentino: che sia un personaggio di spessore e carismatico è risaputo, ma ci sarà da vedere se la sua personalità sarà coadiuvata assieme a quella del presidente, o se due caratteri forti nella stessa squadra potrebbero danneggiarla invece che darle vantaggi.

Leggi anche:  Milan, il dopo Calhanoglu ha già un nome

Tutto da vedere quindi. E Inzaghi? E Prandelli?
Al primo non è arrivata alcuna comunicazione, e pertanto è ancora l’allenatore in carica e sta preparando la stagione che verrà, un po’ come sta accadendo a Milano con Brocchi.
Qualora la dirigenza gli comunicherà che non sarà più l’allenatore della Lazio, quasi sicuramente andrà in serie B ad allenare l’altra squadra del presidente, la Salernitana, che è riuscita ad ottenere la permanenza nella serie cadetta dopo i play-out con il Lanciano.


Per Prandelli sarebbe invece una beffa
: sembrava esser tutto fatto, e invece l’ex ct si è visto preferire un altro allenatore, peraltro con l’ingaggio quasi raddoppiato rispetto al suo. 
Non è da escludere quindi uno scontro tra le due parti, con Prandelli irritato dall’atteggiamento di Lotito. Molto probabile che se salterà Bielsa, Prandelli non arriverà comunque.
Non è da escludere la pista estera per Prandelli, con il Jiangsu, di proprietà del gruppo Suning pronto ad accoglierlo per una nuova
esperienza.

Leggi anche:  Primavera 1, andata play-out: Lazio-Bologna 1-1

parla Prandelli
Avremo presto le decisioni definitive, forse dopo l’Europeo, quando anche i calciatori inizieranno a scegliere cosa fare dopo le vacanze.
La panchina biancoceleste vede un posto per tre, con la scelta definitiva che arriverà a breve.

A Roma intanto, i tifosi attendono speranzosi…

  •   
  •  
  •  
  •