Mercato Juve, parla Morata: “Mi dispiacerebbe andare via”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Alvaro Morata


Zitti tutti, parla Morata…e segna. Ieri sera Alvaro Morata ha dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse ancora bisogno, di essere un giovane dal futuro più roseo che mai. Nella partita di ieri sera tra Spagna e Turchia, l’attaccante juventino ha messo a segno una bella doppietta (la prima in questi europei fino ad ora) ed ha trascinato la sua Nazionale verso gli ottavi di finale. Ieri mattina il suo agente, Juanma Lopez, è andato al Santiago Bernabeu e vi è rimasto un’oretta: secondo tanti avrebbe parlato del futuro del giocatore, secondo Alvaro non ha parlato del suo futuro ma di un difensore della cantera Diego Llorente. Oltre al Real Madrid e la Juve, sono in attesa di sapere di più sul futuro del giocatore anche il Chelsea di Antonio Conte e il Manchester sponda United del nuovo tecnico Jose Mourinho.

Leggi anche:  Probabili formazioni Serie A - 10° Giornata

Parla Morata. Il giocatore è intervenuto ancora una volta per parlare della sua situazione, fatto divenuto il tormentone di questo inizio di estate: “Ai tifosi della Juve non posso dire granché, mi dispiace ma è cosi, non so cosa mi riserva il futuro. Di sicuro c’è solo il fatto che alla Juventus mi sento come a casa e ringrazio tutti i tifosi juventini perché continuano a mandarmi messaggi. Ho ancora tanti amici a Torino ed è chiaro che mi dispiacerebbe andare via. La Juve è uno dei club più grandi d’Europa e il più grande d’Italia. Io li sono felice e mi dispiace non poter dire di più sul mio futuro, non dipende tanto da me”. Dopo la partita vittoriosa contro la Turchia (un secco 3-0 e doppietta di Alvaro, la prima dell’Europeo di Francia), l’attaccante spagnolo ha mostrato tutta la sua felicità: “Avevamo fatto bene anche contro la Repubblica Ceca ma non avevamo avuto fortuna nelle conclusioni, anche perché di fronte avevamo uno dei portieri più forti al mondo. Io sapevo che i gol prima o poi sarebbero arrivati, non ci pensavo più di tanto. E cosi è stato. Ora dobbiamo mantenere questa linea, se continuiamo a giocare cosi sarà molto difficile batterci. A livello personale continuo ad aspettare, farò ciò che mi dicono”.

  •   
  •  
  •  
  •