Milan, Niang: il tuffo in piscina può valere la cessione. Tifosi e società infuriati.

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui
video-niang-fa-infuriare-i-tifosi-con-un-tuffo

In questo momento, in casa rossonera l’attenzione è tutta sulla trattativa per la cessione del 70% del Milan alla cordata cinese rappresentata dall’advisor americano Sal Galatioto e sulle condizioni di salute di Silvio Berlusconi che è ricoverato da martedì mattina al San Raffaele di Milano a causa di uno scompenso cardiaco, ma l’ultima ennesima“bravata” di M’Baye Niang non è comunque passata inosservata: l’attaccante milanista ha infatti pubblicato su Instagram un video nel quale si tuffa in piscina da un tetto abbastanza alto.

Secondo quanto riferisce questa mattina La Gazzetta dello Sport, la società di via Aldo Rossi sarebbe piuttosto arrabbiata con il francese, il quale verrà richiamato e multato per questo gesto, che ha visto anche la reazione accesa dei tifosi del Milan: sui social network, infatti, i supporters rossoneri, molto irritati per il video, hanno ricoperto di insulti Niang per questa bravata davvero irresponsabile, considerato anche il suo ultimo infortunio, arrivato per questioni extra calcistiche, ai limiti del surreale.

“Pagliaccio” è l’insulto meno pesante che gli viene rivolto. M’Baye Niang, del resto, ha rischiato due volte: quando si è tuffato in piscina da qualche metro entrando in acqua dopo un volo durato più di un secondo e quando ha postato il video della sua “bravata” su Instagram, raccontando orgogliosamente di essere “dans les airs”, in aria appunto. I tifosi del Milan che hanno commentato sui profili social dell’attaccante sono decisamente meno fieri di averlo in rosa. Dall’aquaplaning di fine febbraio al balconing di inizio giugno non è passato poi molto tempo: così, da un calciatore che ha saltato quasi metà stagione per un incidente in auto, ti aspetti che faccia di tutto per evitare infortuni. E invece…
Questa vicenda, che non ha certamente dato un’immagine positiva sia del giocatore che del club, potrebbe avere conseguenze sul futuro dell’ex Caen, che già era “sotto osservazione” dopo l’incidente automobilistico di febbraio che lo ha tenuto fuori per diversi mesi: già a gennaio, il francese era stato infatti cercato dal Leicester e Galliani ha poi confidato che la proposta non è stata rinnovata, ma se lo fosse sarebbe presa in considerazione (sia degli inglesi che di qualsiasi altra squadra). Nelle prossime settimane si saprà qualcosa di più, ma questo gesto rischia davvero di allontanare Niang da Milanello una volta per tutte.
Leggi anche:  Calciomercato, il Papu Gomez vicinissimo ad un club di Serie A. Ecco i dettagli
  •   
  •  
  •  
  •