Milan, sfuma il sogno Emery. Ecco il futuro del tecnico spagnolo

Pubblicato il autore: Andrea Bellini Segui

Milan

In casa Milan a tener banco, negli ultimi giorni, più che il calciomercato in sé, è la situazione allenatore. La domanda che tutti si pongono, infatti, è: chi siederà sulla panchina dei rossoneri nella stagione 2016/2017? Da quanto appreso negli ultimi giorni dai principali notiziari, cartacei e non, emergono sostanzialmente due ipotesi: la prima prevede la conferma di Brocchi, che ha traghettato la squadra nelle ultime giornate del campionato conclusosi da poche settimane; la seconda prevede l’arrivo di un allenatore straniero, in particolare si parla di Emery e Pellegrini. Per la seconda ipotesi, però, c’è una novità importante, che riguarda in particolare Unai Emery, attuale tecnico del Siviglia.

Milan, Emery verso la Francia

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, infatti, il tecnico degli andalusi sarebbe molto vicino al PSG. Il presidente dei parigini Nasser Al-Khelaifi, sarebbe pronto a liberare il tecnico pagando i 2 milioni di euro della clausola rescissoria che lo legava alla squadra vincitrice dell’ultima Europa League ancora per un altro anno. La dirigenza parigina ha quindi scelto Emery per sostituire Blanc, che godrà di una buonuscita record, tra i 10 e i 15 milioni. In lizza per la panchina del PSG c’era anche Simeone, che quindi rimane alla guida dell’Atletico Madrid, almeno per il momento. Parigi potrebbe essere la destinazione anche dell’ex ds del Siviglia Monchi, che ha rassegnato le dimissioni dal club andaluso proprio la settimana scorsa. Sarebbe sicuramente un doppio colpo molto importante per i parigini, delusi dall’ennesimo flop in Champions League. Emery, inoltre, potrebbe portare con sé un altro fedelissimo, in un affare che riguarderebbe anche lo stesso Milan: sembra, infatti, che anche Bacca potrebbe seguire il suo ex tecnico ai tempi del Siviglia. Tornando alla questione allenatori, quindi, in corsa per la panchina del Milan rimarrebbero, a meno di clamorosi colpi di scena, solo Brocchi e Manuel Pellegrini. Anche sul tecnico cileno, nelle ultime ore, sembrano esserci grandi novità, proprio in chiave rossoneri.

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: dubbi per Pioli, Conte lancia Eriksen?

Dal Cile sono sicuri: Pellegrini sarà il nuovo tecnico del Milan

In patria infatti, come rilanciato da molti quotidiani italiani, danno per certo l’arrivo di Pellegrini sulla panchina del Milan. A dare l’annuncio, o presunto tale, è il portale emul.com. Come sottolineato nell’articolo, e come tutti sappiamo bene, il possibile arrivo dell’ex tecnico del Manchester City è legato alle questioni societarie del Milan, ovvero alla trattativa per la cessione del club al fantomatico gruppo di investitori cinese. Come disse il tecnico un po’ di tempo fa al The Guardian, “se non si fa vivo nessun progetto interessante, aspetterò che appaia”; e cosa c’è più interessante ed ambizioso di intraprendere un progetto per risollevare le sorti del Milan e riportarlo, nel più breve tempo possibile, ai fasti di un tempo? I tifosi ovviamente si augurano che lo scenario sia questo; ma cosa succederebbe se alla fine non ci dovesse essere il tanto agognato cambio di proprietà?

Leggi anche:  Juventus, in arrivo un doppio colpo di mercato. Ecco di chi si tratta

L’ultimo scenario: il ridimensionamento definitivo

L’ultimo scenario è quello più buio e più temuto dai sostenitori del “Diavolo”: se la situazione rimanesse così com’è, infatti, si assisterebbe ad un definitivo ridimensionamento della squadra, più di quanto sia avvenuto negli ultimi anni a causa dei pessimi risultati. L’allenatore rimarrebbe quindi Brocchi, e, per quanto riguarda la rosa, si inseguirebbe il progetto del “Milan verde” che però, in un periodo storico in cui assistiamo ad una decisa penuria di talenti, questa prospettiva sembra più una minaccia che il prospetto di una rinascita. Fatto sta che il tempo sta passando, e il Milan, sul mercato, rischia di rimanere indietro; qualunque sia la decisione definitiva, questa dovrà necessariamente essere presa nel più breve tempo possibile.

  •   
  •  
  •  
  •