Calciomercato Milan: Menez va al Bordeaux

Pubblicato il autore: Collu Luca Segui

Calciomercato Milan: il francese ha già salutato i suoi compagni

Calciomercato milan Calciomercato Milan addio menez
Calciomercato Milan.
Jeremy Menez ha trovato un club disposto ad acquistarlo.
Dopo le tante offerte rifiutate dall’attaccante rossonero, finalmente ha accettato la destinazione francese.
Il Bordeaux, che è alla ricerca di giocatori veloci e che diano imprevidibilità alla manovra, ha accontentato le richieste del club milanese e dell’esterno offensivo.
Il giocatore è stato avvistato questo pomeriggio nel centro sportivo della società francese e già domani potrebbe arrivare l’ufficialità.

Calciomercato Milan: le parole del presidente del Bordeaux

“Jeremy Menez a Bordeaux? Fa parte della nostra lista. Nulla è impossibile a Bordeaux, lo sapete bene. Se siamo a buon punto per Menez? Non confermo nulla. Non abbiamo troppe frecce nel nostro arco ma più opzioni, non possiamo contare su un solo giocatore”.
Cosi Jean-Louis Triaud aveva aperto al trasferimento del giocatore milanista nella società della Ligue 1.
Il Bordeaux si era già interessato in passato a Menez e, non appena sono stati trovati i fondi per acquistarlo, punta a concludere l’operazione in entrata in pochi giorni.

Calciomercato Milan: le cifre dell’affare

La società della Ligue 1 pagherà il cartellino del calciatore 8 milioni di euro, che potrebbero diventare 12 in caso di raggiungimento di obiettivi prestabili (presenze, gol, posizione in classifica).
All’ala, ormai ex milanista, andranno 2.5 milioni di euro più bonus per i prossimi tre anni.

Calciomercato Milan: i numeri di Menez in rossonero

Jeremy, arrivato nel club rossonero nel giugno 2014 e che andava in scadenza nel 2017, lascerà Milano dopo un campionato molto positivo ed uno molto negativo.
Nelle due stagioni, l’attaccante, ha collezionato 46 presenze complessive trovando la via del gol per 20 volte.
Ma solo nel suo primo anno in rossonero, con Inzaghi in panchina, ne ha realizzati 16 in 34 partite.
La sua seconda stagione, invece, è stata condizionata da un lungo infortunio che l’ha tenuto fuori per 6 mesi e, non appena tornato a disposizione, non è mai riuscito a trovare una condizione accettabile.

  •   
  •  
  •  
  •