Cessione Milan, rispunta Mr Bee con una clamorosa offerta

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

Cessione Milan: clamorose dichiarazioni di Mr Bee alla Gazzetta dello Sport

Me Bee
Cessione Milan, Mr Bee torna alla carica: i dettagli dell’offerta nell’intervista alla Gazzetta
La cessione del Milan alla cordata cinese sembra essere ormai cosa fatta, con la firma del preliminare fissata per il prossimo 14 luglio. Eppure, a sorpresa, torna alla carica Bee Taechaubol: il magnate thailandese, come rivelato in un’intervista esclusiva alla Gazzetta dello Sport, è pronto a formulare un’offerta intrigante al presidente Berlusconi. “Non sono mai scomparso da questa trattativa, sono rimasto in attesa. Oggi, a poche ore dalla chiusura con il gruppo cinese, voglio far sapere al popolo milanista che c’è un’altra possibilità.” Bee rincara la dose, spiegando che “ci sono ancora delle persone che vogliono aiutarmi in questa trattativa, non è tardi, questa trattativa mi ha insegnato che ci sono ancora delle possibilità.” E Berlusconi cosa ne pensa?Sono mesi che non parlo direttamente con il presidente ma i contatti con Fininvest non si sono mai interrotti. Berlusconi mi ha fatto capire che una cessione Milan della maggioranza equivale a tagliarsi un braccio, e così ho cominciato a lavorare sulla minoranza.”

Cessione Milan, l’offerta di Mr Bee- Taechaubol ha pronta un’offerta nuova di zecca per rilevare delle quote del club rossonero: “I miei investitori sono ZHJ Capital e Parantoux Capital, fondi cinesi costituiti da investitori molto vicini al principale fondo in Cina. L’offerta sarà per rilevare il 48% della società, 100 milioni per questa sessione di calciomercato. In più c’è l’idea di quotare il Milan in borsa. Berlusconi, ovviamente, resterebbe presidente e guida della società. Se ci sarà la volontà possiamo chiudere l’accordo in due settimane. Ho capito che il Milan è e deve rimanere italiano, ora aspetto la decisione del presidente.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fiorentina, a gennaio all-in su Caicedo per Prandelli
Tags: