De Laurentiis: “Siamo arrivati secondi anche senza Higuain”. E’ addio?

Pubblicato il autore: Francesco Sbordone Segui

foto area napoli
A Dimaro, sede del ritiro estivo del Napoli, si è tenuta la conferenza stampa del presidente Aurelio de Laurentiis. Il patron azzurro ha risposto alle domande della stampa, tutte con argomento calciomercato e la situazione Gonzalo Higuain. La prima domanda è ovviamente diretta alla probabile cessione del Pipita alla Juventus.
Con l’addio di Pogba, la Juve può tornare su Higuain? “Lei confonde una unilateralità con una bilateralità. Anche se la Juventus dovesse tornare alla carica, serve il consenso di Higuain. Da un lato ti professi curvista, cantando la canzone del San Paolo, poi passi alla concorrente storica del Napoli? La partita delle partite è da sempre con la Juve. Io non ho mai parlato con Higuain, quindi sono tutte illazioni che vengono fuori mediaticamente, mosse da scopi diversi. L’unica proposta l’ho ricevuta dal presidente dell’Atletico un mese fa e gli ho detto che non si poteva fare. Mi offriva 60mln di euro più due-tre giocatori e io gli ho detto di no”.
E’ ovvio che De Laurentiis non si spinge e aspetta che sia Higuain ad uscire allo scoperto e a dichiararsi alla Juventus. Il Patron se ne lava le mani e lascia il Pipita in mano ai tifosi, ricordando che la Juventus è la rivale per eccellenza del popolo napoletano.
Chi tradirebbe Higuain?Se stesso, uno non va sotto la curva che rappresenta i colori della squadra ad intonare quella canzone dell’innamoramento, sarebbe un controsenso, anche perchè Napoli e Juve sono come cani e gatti”.
Con la probabile partenza di Higuain, serve un sostituto all’altezza e qualcuno ipotizza un ritorno del matador Cavani ma De Laurentiis ricorda che tra lui e l’attaccante uruguaiano i rapporti non sono dei migliori: “Lui ha già detto che non va d’accordo con me, l’ha già dichiarato, non so per quale motivo, forse perchè l’ho venduto troppo bene e si attendevano troppo da lui di quanto abbia reso. Forse per colpa della clausola s’è ritrovato lì… Lui ha avuto un cambio di rappresentanza, da un agente che ora ha Dybala, ora lo rappresenta il fratello, se stesso, solo la famiglia di Higuain s’è studiata il contratto, gli altri firmano cose che non gli permettono di muoversi”.
L’argomento Higuain continua in conferenza stampa, ora a tenere banco sono i dettagli del contratto e dei 94 milioni di clausola: “E’ una cifra stabilita tre anni fa, io pago 40mln un giocatore dal Real, che faccio non mi proteggo?.
Parole di fuoco da De Laurentiis anche verso il fratello/procuratore di Higuain:“Le strategie del fratello e le controparti con cui parla e negozia, non mi appartengono. Non posso dare una risposta, ma esiste una clausola che rende i giocatori punibili quando violano la riservatezza ed alcune dichiarazioni non sono concesse. Qualche volta va ricordato. Siamo da 7 anni in Europa, con dignità, tirando fuori tanti giocatori, dire che non è all’altezza, ma allora perchè hai mandato qui tuo fratello? Qui è tornato quello che era, s’è risvegliato con 36 gol, 38 in stagione, nonostante i turni di squalifica. Se uno ha altri scopi… segnali da mandare a terze persone giuridiche per farsi fare delle offerte che non arrivano questo lo sa solo il fratello di Higuain “.
Oltre ad Higuain si parla anche del calciomercato in entrata: Giaccherini è uno con gli attributi, gli piace Napoli, vuole l’Europa, vuole la Champions e non si pone il problema di vestire la maglia azzurra. Ci vogliono i ventenni ma il tandem tra esperienza e giovnezza, spirito di avventura e saggezza insieme fanno la differenza”.
A De Laurentiis gli viene chiesto anche di Donati, possibile  nuovo acquisto:“Siamo su Donati ed altri 10, ci serve un terzino destro, ambidestro forse è meglio, poi ci serve uno o due centrocampisti, se ne prendo uno non ho bisogno più di nessuno, altrimenti ne ho bisogno di due. Poi vedremo se servirà un sostituto o meno di Higuain. Siamo arrivati secondi anche senza Higuain“.
Un fiume in piena, in perfetto stile De Laurentiis. La patata bollente l’ha passata nelle mani di Higuain, sta a lui esporsi in modo significativo e dichiarare amore alla Juventus e tradimento al Napoli.

  •   
  •  
  •  
  •