Higuain Napoli, quando Bargiggia predisse a marzo la cessione del Pipita…

Pubblicato il autore: pacecca gabriele Segui

11426779423_30a2f082a3_oLa cessione di Higuain alla Juventus ha scosso i napoletani come un fulmine a ciel sereno, spezzando una sessione di calciomercato che verrà ricordata come la più calda degli ultimi anni. Eppure le prime avvisaglie erano state professate già alla fine di marzo dal giornalista sportivo Paolo Bargiggia, nel servizio andato in onda su Sport Mediaset: “Molto controvoglia il Napoli ha cominciato a costruire il dopo Higuain nella prossima stagione.  Se non interverranno nuovi fattori, la scelta di comunicare al club di non voler rinnovare il contratto apre importanti scenari sul mercato. De Laurentiis ne sta prendendo atto con un pò di delusione, ma senza il rinnovo deve mettere il giocatore in vendita. Fin qui l’argentino, il padre e il fratello hanno rifiutato una proposta di rinnovo per altre due stagioni con ingaggio ritoccato verso l’alto da 6 a 7/8 milioni netti

Una bomba di mercato bollente alla quale non tutti hanno reagito con decenza. Svariati insulti sono approdati sull’account Twitter del “profeta”, fino a diventare minacce vere e proprie. Il tutto amplificato dal comunicato del Napoli nel quale cita di prendere totalmente le distanze dalle parole proferite dall’esperto di mercato, definendo il servizio andato in onda “privo di veridicità e confezionato senza rispettare alcuna regola giornalistica…non esiste alcuna fonte che possa confermare quello che Bargiggia dice, e cioè il falso.” Una forte tensione quella creatasi con la società campana, incrementata dalla volontà del presidente De Laurentiis di “interrompere da subito ogni rapporto giornalistico con le reti sportive del gruppo Mediaset alle quali non verranno rilasciate interviste “.

In pochi hanno creduto alle rivelazioni del giornalista più “hipster” del panorama calcistico italiano, giustificate anche dagli innumerevoli nomi altisonanti che vengono costantemente elencati nelle varie testate e nei programmi sportivi nel corso della compravendita estiva, alcuni dei quali nominati soltanto per stuzzicare le menti dei tifosi e gettare fumo negli occhi. Ma non è questo il caso. Con il comunicato ufficiale della Juventus del pomeriggio di ieri è stato confermato l’acquisto del centravanti albiceleste, con la cifra record per il calcio italiano di circa 94milioni di euro pagabili in due anni.

Arriva così la (meritata) rivincita di Bargiggia, con le scuse dimolti tifosi napoletani sotto forma di migliaia di tweew.  Emblematico il “cinguettio” postato il 22 luglio, quando la trattativa era più che avviata verso la stretta finale, nel quale riporta di aspettarsi le scuse del produttore cinematografico, dopo tutte le ingiurie e il trattamento subito da egli stesso. Tra i commenti ,uno in particolare degno di nota :”Ma quali scuse?ma che vuoi? se Higuain si presenta a Dimaro…..cambia mestiere!!!!”, che è piaciuto particolarmente al produttore cinematografico, come mostra il like effettuato dal suo profilo ufficiale.
CoTUTK2WcAAltQx

Ma Gonzalo non si presentò a Dimaro.
Paolo Bargiggia ha fatto discutere molto gli appassionati per il suo cambiamento di stile, da  serioso e sobrio a bizzarro uomo sulla cinquantina, con capelli sparati verso l’alto alla Goku in seguito accorciati e con la barba identica a quella di bomber Moscardelli. Questo lo ha reso più eccentrico rispetto ai suoi colleghi, ma la sua competenza e professionalità lo portano ad essere uno dei migliori nel suo campo. E la vicenda del pipita lo dimostra per bene.
Perchè Higuain non si presentò a Dimaro.

  •   
  •  
  •  
  •