Inter, Mancini dice addio a Tourè. E la squadra ancora non ingrana

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Nessun dramma per Roberto Mancini al termine dell’amichevole persa per due a uno dall’Inter contro il Cska Sofia.  La squadra lavora soltanto da pochi  giorni ed è naturale che i giocatori risentano del carico di lavoro svolto in questa prima parte di ritiro. Al termine della gara l’allenatore dell’Inter è tornato a parlare anche di mercato, alzando bandiera bianca per l’arrivo di Yaya Tourè dal Manchester City. ” Tourè rimane uno dei più grandi centrocampisti al mondo – ha detto Mancini al termine della gara contro i bulgari – . Nessun rimpianto,però ,per il suo mancato arrivo. Credo che ormai non ci siano più speranze di vederlo con la maglia dell’Inter. A rappresentare la figura di riferimento per il nostro mercato sarà chi deciderà quali mosse fare”.

Le parole di Mancini hanno fatto trasparire una certa insofferenza per come sta andando la campagna acquisti dell’Inter. Già nei giorni scorsi l’allenatore era apparso quasi “rassegnato” di fronte alle ultime vicende di mercato dell’Inter ed anche sulla vicenda Icardi aveva mantenuto un profilo molto basso .  Sarà soltanto il tempo a dire se quella di Mancini sia soltanto fiducia nei confronti della nuova società, chiamata a programmare in tutto e per tutto una stagione di riscatto, o magari sia insofferenza che potrebbe sfociare in scelte di segno opposto da parte del tecnico di Jesi.
Intanto Mancini ha anche commentato la sconfitta di oggi pomeriggio mostrando una certa delusione per la prestazione del secondo tempo della squadra nerazzurra nonostante i carichi pesanti di lavoro che hanno inciso sull’andamento complessivo della gara da parte della formazione nerazzurra . “A parte la pesantezza del lavoro fisico, in queste gare incide anche il fatto di avere tanti ragazzi e ci può anche stare di perdere – ha spiegato a fine gara Roberto Mancini -. Allenamenti abbastanza pesanti stanno incidendo sulle prestazioni ed è anche  vero che bisogna divertirsi in queste gare amichevoli estive. Però dico anche che bisognerebbe mettere qualcosa in più durante la gara . Bene quelli che hanno giocato nel primo tempo, meno quelli che hanno giocato nel secondo. Erkin? Non è ancora pronto, l’ho messo dentro solo per farlo iniziare a inserire”

  •   
  •  
  •  
  •