Inter, Mancini resta: “Mai pensato alle dimissioni. E su Thohir…”

Pubblicato il autore: Saverio Crea Segui

rinnovo Mancini

Mancini rimane all’Inter

Mancini resta all’Inter. Almeno per ora. Il tecnico jesino ha parlato dopo la partita dell’Inter contro l’Estudiantes, negando l’ipotesi dimissioni:Voi avete parlato di dimissioni, non io. Io non ho mai detto che c’è tensione o che me ne vado”. “Io sono qui e come sempre lavoro per migliorare l’Inter. E spero che sia così anche per altri. Ci sono tensioni? Io penso solo a preparare la squadra per l’inizio del campionato. Se Candreva aumenterebbe il valore della rosa? Lui è un giocatore della Lazio.” Poi il tecnico si sofferma sulla partita di ieri: “La partita? Abbiamo giocato molto bene nel primo tempo, potevamo fare almeno tre gol. Poi siamo calati, anche perché abbiamo pochi giocatori, a parte i ragazzini, e la fatica inizia a farsi sentire”. “E mi dispiace che adesso abbiamo pochi giocatori e questo è un problema perché finora il precampionato è stato stancante“, ha aggiunto l’allenatore dopo l’amichevole contro l’Estudiantes finita in pareggio per 1-1. “ Non abbiamo avuto la possibilità di fare molti cambi anche stasera e dopo una bella prima mezz’ora, nella ripresa siamo calati. Non avevo sostituzioni da fare“. Se da un lato Mancini mette da parte le voci e le polemiche sul suo addio all’Inter, non le manda a dire al presidente Thohir: ” Le frasi di Thohir? Io faccio l’allenatore, lui fa il presidente e può dire ciò che vuole“. Nel pre-partita della gara con l’Estudiantes, Thohir e Mancini si sono evitati e non si sono rivolti nessuna parola. Ciò sta a indicare che la freddezza rimane e che la situazione allenatore continua ad essere in bilico, nonostante le dichiarazioni di facciata. La dirigenza interista si sta cautelando ed ha contattato Frank De Boer e Leonardo. Per ora il Mancio rimane a Milano.

L’amichevole con l’Estudiantes

La gara di ieri ha messo in mostra i pregi e i limiti dell’Inter dello scorso anno. Partita cominciata bene e dominata nel primo tempo, con il gol di Nagatomo al 5′ minuto di gioco. Tante occasioni sciupate da Biabiany e Jovetic, anche una traversa di Palacio. Al 43′ una dormita in difesa causa il pareggio di De Sabato, lasciato libero di colpire di testa e insaccare. Nel secondo tempo si accende l’Estudiantes  in attacco e crea molti grattacapi ad Handanovic. Negli ultimi minuti spazio ai Primavera nerazzurri ma il risultato non cambia. Icardi si scalda ma non entrerà mai, solo un caso o un segnale ben preciso?

  •   
  •  
  •  
  •