Manchester United, la lista degli “epurati” di Mou. C’è Schweinsteiger!

Pubblicato il autore: matteo lanzi Segui

Quando si dice non guardare in faccia nessuno. E’ una massima ben conosciuta da Mourinho, da sempre accompagnato dalla fama di essere tanto,perfino troppo a volte, duro e deciso sulle sue idee,inopinabili per chiunque altro al di fuori del portoghese stesso. E’ così, o con lui o contro di lui, o lo si ama o lo si odia. Ma se sei contro, è meglio per te cambiare aria, e in fretta. Muo non cambia, e non l’ha fatto neanche in questa nuova avventura in terra britannica: dopo la conferma di voler puntare su 24 giocatori scelti (che potrebbero diventare 25 con Pogba…), è stata confermata la lista dei 9 “epurati“, con i quali lo Special One sta avendo in questi giorni una serie di colloqui privati, dove illustrerà la sua decisione e inviterà gli “emarginati” a cercarsi un’altra squadra. E tra gli invitati a trasferirsi c’è anche un certo Bastian Schweinsteiger ..
mourinho manutd
Quando non te ne va bene una…

Non è certo un periodo idilliaco per il tedesco.E’ fresca di ieri la decisione  di lasciare la Nazionale, comunicata con un post sul suo profilo Twitter, dove “ringrazia i tifosi per il sostegno e sottolinea quale onore sia stato per lui combattere e sacrificarsi per questa maglia“, sottolineando poi il grande dispiacere per” non essere riuscito a vincere Euro 2016,al quale teneva molto”, non dimenticando  però le “grandi soddisfazioni regalategli in questi anni dalla maglia della Germania”.  Arriva per lui così il secondo abbandono, stavolta involontario, in pochi giorni. Per la mezzala tedesca si profila così, a 32 anni e con un fisico malandato, un mesto ritorno in patria. Potrebbe essere un’occasione per la nostra Serie A, ma l’idea è che il panzer teutonico costi ancora troppo per le misere casse delle società del Belpaese. Una fine preventivata quella di Schweinsteiger,che un solo anno ai Red Devils non ha lasciato il segn: tra prestazioni pessime, infortuni e squalifiche davvero un’annata storta quella del tedesco, che nel frattempo giocherà con la squadra riserve.

Gli altri.

Il tedesco è, però, in buona compagnia. Sono infatti altri otto i giocati finiti nella “Black List” dello Special One. Tra questi spicca l’ex stellina  Adnan Januzaj. Una parabola discente clamorosa quella del belga, che dopo un inizio di carriera promettente, aiutato anche dal mentore Van Gaal, si è totalmente perso, diventando l’ombra di quello visto nelle prime due stagioni in salsa United.  Il rilancio di Januzaj potrebbe,però, passare per l’Italia: si vocifera che il Milan, impantanato nell’impasse societario, stia pensando a lui per rinforzare il parco attaccanti a dispozione di Vincenzo Montella. Il belga è legato allo United da un contratto fino al 2018 di 2,5 milioni di euro annui, ma può essere lasciato andare con la formula del prestito con diritto di riscatto, divenendo così un colpo che,se rende come previsto, può essere un crack a livello assoluto.Il resto degli “epurati” sono per lo più giovanotti di belle speranze: i difensori McNair, Blackett e  Borthwick-Jackson ( che pure qualche presenza avevano collezionato sotto la guida Van Gaal), i semisconosciuti centrocampisti Mensah e Pereira, e gli attaccanti  Keane e  Wilson ( che però, a differenza degli altri, non andrà via ma giocherà con la squadra under 21).

  •   
  •  
  •  
  •