Mancini e l’Inter, storia di trionfi e litigate

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Mancini e l’Inter, storia di trionfi e litigate

Crisi in casa neroazzurra, forse andranno via il capitano e l’allenatore: Mancini e Icardi in bilico

La situazione in casa Inter è molto compromessa e ieri, dopo una giornata di riposo, c’è stato il tempo per riflettere sulle possibili soluzioni e sulla sorte di allenatore e capitano. Il contratto di Roberto Mancini scadrà il 30 giugno 2017 e la sua buonuscita costerebbe 5 milioni di euro, pari allo stipendio di un anno. Se Suning volesse licenziarlo, dovrebbe farlo per giusta causa, altrimenti la faccenda finirebbe in tribunale. La giusta causa ci potrebbe essere, considerando il disaccordo di Roberto Mancini nei confronti delle strategie aziendali dell’Inter. La soluzione più indolore sarebbe la transazione, nel bilancio sono previsti 10 milioni di euro per Roberto Mancini.

Dimissioni Mancini, Moratti non ne sa niente

Alla fine della partita contro il Paris Saint Germain, Roberto Mancini ha chiarito che la situazione è la stessa di 2 giorni fa: nonostante il confronto con i vertici non è cambiato niente. Riguardo la cessione di Icardi, il tecnico nerazzurro ha detto di chiederlo a Thoir; alla stessa maniera sul probabile arrivo di Candreva sa tutto il presidente, ha risposto l’allenatore in maniera un po’ provocatoria. Come è scritto stamani sulla Gazzetta dello Sport, nonostante tutto una piccola speranza che il tecnico rimanga esiste ancora, basterebbe avere un confronto diretto e conoscere gli obiettivi reali della prossima stagione dell’Inter. Massimo Moratti sembra non essere al corrente della volontà di Roberto Mancini di dimettersi e, interpellato dei giornalisti, ha detto di non saperne niente. Stasera ci sarà una cena di gala con i proprietari cinesi che forse porterà a qualche soluzione.

La storia di Mancini allenatore dell’Inter

Roberto Mancini ha iniziato la sua storia sulla panchina dell’Inter nella stagione 2004-2005, durante la quale ha disputato 58 partite realizzando 31 vittorie, 23 pareggi e 4 sconfitte; quell’anno l’Inter ha vinto anche la Coppa Italia. L’anno seguente l’Inter di Mancini ha vinto 34 partite, ne ha pareggiate 15 e perse 10, vincendo lo scudetto a tavolino, la Coppa Italia e la Supercoppa italiana. Nell’anno 2006-2007 su 55 gare disputate l’Inter ne ha vinte 39, pareggiate 12 e perse 4; oltre allo scudetto ha vinto la Supercoppa italiana. La storia trionfale dell’Inter di Roberto Mancini prosegue nella stagione 2007-2008: vittoria dello scudetto e 54 partite giocate, di cui 34 vittorie, 12 pareggi e 8 sconfitte. Roberto Mancini è tornato all’Inter subentrando a Walter Mazzarri nella stagione 2014-2015 piazzandosi in ottava posizione; sono state 35 le partite giocate, finite con 13 vittorie, 11 pareggi e 11 sconfitte. L’anno scorso l’Inter è arrivato al quarto posto, e Roberto Mancini ha disputato 42 partite realizzando 23 vittorie, 7 pareggi e 12 sconfitte.

Le litigate di Roberto Mancini

Roberto Mancini ha sempre avuto un carattere deciso ed sue litigate che sono finite sui giornali. Come citato dalla Gazzetta dello Sport, nel 2013 durante l’allenamento col Manchester City, Mancini è finito sulle pagine di tutti i giornali per il litigio corpo a corpo con Mario Balotelli. Un’altra lite molto animata c’è stata al termine della partita Inter-Lazio con Jovetic il 20 dicembre 2015 all’interno dello spogliatoio. Il 19 gennaio 2016, dopo la gara di Coppa Italia contro il Napoli, Roberto Mancini ha avuto un violento diverbio con l’allenatore partenopeo Maurizio Sarri, dicendo a tutti i media di essere stato accusato di essere un frocio. La vicenda ha fatto parecchio rumore, scatenando polemiche omofobe e riempiendo le pagine dei giornali per parecchi giorni.

  •   
  •  
  •  
  •