Mercato Napoli, Giaccherini firma per tre anni: ma sarà utile?

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

Giaccherini-630x411

Ormai la trattativa per portare Giaccherini al Napoli sta agli sgoccioli: stasera è previsto l’incontro tra il Ds Giuntoli e l’agente del giocatore. Il Sunderland ha accettato l’offerta di due milioni di euro da parte del club napoletano e la mezzala ha accettato un contratto dalla durata di tre anni con un milione e mezzo all’anno. I napoletani hanno compiuto un’ottima operazione di mercato inserendosi nella ben avviata trattativa col Torino, che sembrava aver già concluso l’affare, e riuscendo a strapparlo alla concorrenza. Quello che ci si chiede, è se il piccolo Giak risulterà un innesto utile alla rosa del Napoli.

Giak riserva di lusso?

Il ruolo di Giaccherini alla squadra sarà certamente quello di riserva, considerando il fatto che lo è stato quest’anno un buonissimo giocatore come Meertens, e molto probabilmente sarà il rincalzo di Callejon. Infatti, senza sminuire le ottime capacità del calciatore toscano, mettendolo titolare fisso non porterebbe la maggior qualità tecnica e quota gol dell’ala spagnola (45 gol in 158 presenze), anche se c’è da dire che il piccolo attaccante non è uno che segna poco. Tuttavia, visto i numerosi impegni che dovrà affrontare la formazione di Sarri, tra campionato, coppa italia e la Champions League, è certo il fatto che Giak avrà il suo spazio e che giocherà spesso. In più, la sua duttilità tattica sarà fondamentale per il tecnico napoletano, permettendogli di soppesare possibili mancanze. Quello del Napoli è un buonissimo acquisto, anche perché Giaccherini è una riserva che moltissimi top club vorrebbero: velocità, polmoni e tanto sacrificio; caratteristiche che si sono ben viste in questi ultimi europei, che lo hanno nominato tra i migliori azzurri della spedizione europea. Queste sue qualità le conosciamo da tempo, in primis il tecnico Conte, che lo ha voluto con sé sia con la Juventus sia con la Nazionale, adirandosi pure quando la società bianconera decise di cedere il suo pupillo. Pertanto, sebbene la non giovanissima età (31 anni), Giaccherini ha tutto il diritto di riservarsi il titolo di riserva di lusso del Napoli, fermo restando che nel caso dovesse rivestire il ruolo di titolare, per infortunio di Callejon, si comporterebbe in maniera eccellente anche in quella veste.

Leggi anche:  Bruscolotti e Taglialatela replicano a Cabrini: "Non ci può dare lezioni di vita, sanno tanto di pregiudizi"

Le altre mosse di mercato del Napoli

De Laurentiis vuole creare una rosa maggiormente competitiva cercando di convincere la sua stella Gonzalo Higuaìn a rimanere al Napoli. Quasi chiuso l’accordo con il centrocampista juventino Pereyra, ben diciotto i milioni (più bonus) offerti sul piatto, anche se è da considerare il fattore che l’argentino era una vera e propria riserva nella rosa bianconera, e sebbene le sue qualità non si discutano, la cifra pare leggermente esagerata; sarà il campo a decidere se si sarà rivelato un affare eccellente o no. L’obbiettivo più allettante e di prestigio è Axel Witsel, centrocampista belga inseguito da mezza europa e che si è ben distinto in nazionale col Belgio agli europei. Peccato che l’offerta di sette milioni del Napoli non accontenta minimamente le pretese dello Zenith; l’Inter è pronta con un’offerta migliore per accaparrarselo. Ok per l’acquisto di Giak, ma se anche il Napoli vuole dire la sua in stagione, necessita di colpi di maggior rilievo.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: