Milan, ecco il difensore low cost. Tifosi delusi dal mercato rossonero

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
adriano_galliani1Nessuna novità rispetto agli ultimi anni. Il Milan dei cinesi tarda a materializzarsi e così il mercato rossonero torna ad essere caratterizzato dai “colpi” a costo zero, tanto cari al Galliani delle ultime stagioni. Le casse del Milan sono vuote ed in attesa dei soldi della nuova proprietà cinese (arriveranno mai?) e di quelli che potranno arrivare dalla cessione di Bacca (se entro il 31 non ci saranno novità il colombiano rimarrà in rossonero…)  la società è tornata a sondare il mercato dei parametri zero.
Niente Musacchio, per la difesa del Milan il rinforzo richiesto da Montella si chiama Alvaro Arbeloa. Il difensore, svincolatosi a giugno dal Real Madrid, è ad un passo dal dire si alla proposta del Milan.  Nella giornata di ieri Adriano Galliani ha avuto un lungo colloquio con il manager del giocatore, Oscar Ribot, nel corse del quale è emersa una condivisione di intenti tra rossoneri ed ex Real Madrid. Il Milan è alla ricerca di un difensore d’esperienza da affiancare a Romagnoli e per Arbeloa i rossoneri rappresentano la prima scelta.  Ed ecco che alla luce di questa convergenza d’intenti anche l’accordo contrattuale sembra essere stato raggiunto. Il Milan offre ad Arbeloa un contratto annuale con opzione per il secondo. Una mossa obbligatoria questa da parte del Milan considerata l’età dello spagnolo. Arbeloa ha, infatti, 33 anni e non può sicuramente di certo rappresentare un investimento per il “futuro” per il Milan. Il suo arrivo, ormai probabilissimo, servirà a Montella per colmare il vuoto lasciato dall’infortunato Zapata al centro della difesa.

Leggi anche:  Dove vedere Milan Celtic, live streaming e diretta tv Europa League

Arbeloa in – Musacchio out

L’ormai certo acquisto di Arbeloa fa tramontare definitivamente ogni possibilità di vedere in maglia rossonera il difensore del Villareal Musacchio. L’argentino costa troppo ( 20 ‘- 25 milioni la richiesta del Villareal) ed il Milan senza soldi in cassa non può chiudere alcuna operazione in entrata che preveda un esborso consistente di denaro. Inoltre è ormai scaduto da giorni l’ultimatum dato dallo stesso giocatore che adesso guarderà altrove per trovare un club in cui trasferirsi. Arbeloa rappresenta l’alter ego di Musacchio,  gioca al centro della difesa, adattabile anche in fascia, usa il destro in modo da integrarsi con il mancino di Romagnoli. Cresciuto nelle giovanili del Madrid, Arbeloa ha poi giocato un anno con il Deportivo e due con il Liverpool. Dal 2009 è tornato al Real: sette stagioni, 234 partite e sei gol. Gli stessi anni delle 58 gare con la Spagna campione del mondo e due volte d’Europa. Il Milan con l’ex Real Madrid ha di fatto chiuso il suo mercato in difesa dove è arrivato anche l’esterno Vangioni.  Nomi che difficilmente scalderanno il cuore dei tifosi rossoneri.
 
Capitolo cessioni

Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio

Tutte bloccate ad oggi le possibili cessioni rossonere. Ieri Menez ha rifiutato l’offerta di un club di Abu Dhabi mentre per Bacca non ci sono significative novità. Oggi scadrà l’ultimatum del West Ham, che ormai ha capito di non rientrare nel gradimento dell’attaccante. L’Atletico Madrid si era già defilato, l’Arsenal e il Dortmund non hanno concretizzato in offerta il proprio interesse e il Napoli, che pure lo aveva inserito tra gli obiettivi, si è orientato su Icardi. Il Milan aspetterà il 31 luglio, ma senza grande fiducia di vedere spuntare nuovi corteggiatori: così fosse, Bacca resterebbe rossonero.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: