Milan, strategie di mercato diverse dopo l’infortunio di Zapata

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Milan, strategie di mercato in continua evoluzione, dalle possibili trattative a quelle sfumate fino a quelle che nasceranno in futuro.

Cristian Zapata

Milan, strategie di mercato diverse dopo l’out di Zapata (in foto)

Milan, stretegie di mercato cercasi. Questa fase di calciomercato del Milan è particolarmente turbolenta con giocatori dapprima accostati ai colori rossoneri e poi quasi del tutto sfumati (leggi Pjaca), per arrivare a quelli bloccati ma non ancora portati in quel di Milanello perché sempre in attesa dell’accordo che porta alle firme del preliminare per la cessione delle quote societarie.
Tuttavia, qualcosa, se pur a rilento si sta muovendo perché Vincenzo Montella ha bisogno al più presto di una squadra completa, tra giocatori che arriveranno e quelli che dovranno essere ceduti.

Milan, strategie di mercato diverse dopo l’infortunio di Zapata

Come se non bastasse l’incertezza di questi giorni, ci si è messo anche l’infortunio accorso a Cristian Zapata durante la Coppa America a far cambiare con ogni probabilità i piani della società di Via Aldo Rossi. Infatti, dopo i saluti di Alex e di Philippe Mexes, la sola trattativa per Mateo Musacchio non basterebbe per rinforzare il reparto arretrato con i soli Gabriel Paletta e Rodrigo Ely arruolabili.
Il nuovo che avanza, stando a voci di corridoio, sarebbe Alvaro Arbeloa, in scadenza di contratto con il Real Madrid e quindi un papabile parametro zero anche se non più giovanissimo essendo un classe 83. Arbeloa sembra l’unico nome reale assieme a Musacchio pronto a decollare in orbita rossonera anche se in queste ore sono circolati molti nomi attorno l’universo Milan, da Jonhatan Tah, difensore tedesco giovane e promettente del Bayer Leverkuse, a Leo Lacroix 24enne svizzero del Sion, anche se al momento non c’è alcun riscontro circa eventuali trattative o sondaggi della società di Via Aldo Rossi per questi due giocatori.
Quel che è certo, tuttavia, è che il Milan deve rivedere le proprie strategie di mercato e ponderare bene le scelte per presentare ai nastri di partenza una squadra diversa rispetto quella degli ultimi anni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: