Non tatuatevi un calciatore! Il calciomercato fa rimuovere 1 tatoo su 4, vero Higuain?

Pubblicato il autore: pacecca gabriele Segui

La cessione di Gonzalo Higuain agli acerrimi rivali della Juventus ha scosso fortemente i tifosi partenopei, privati del miglior centravanti al mondo attualmente in circolazione. Tre anni ricchi di grandi giocate hanno trascinato il Napoli ad un passo dal sogno chiamato scudetto, sfumato amaramente dopo la cavalcata trionfale degli uomini di Allegri. Una vera e propria delizia per gli occhi dei supporter napoletani, molti dei quali hanno deciso di tatuare la propria pelle con il nome o la fisionomia del “pipita”. Così la cessione più renumerativa del calcio italiano (ancora per poche ore, causa passaggio imminente al Manchester United di Paul Pogba alla cifra record di 110 milioni di euro),ha trafitto l’animo di questi poveri malcapitati, costretti a rimuovere la “macchia” dalla propria cute. Degna di nota la rovesciata raffigurante la punta argentina sul braccio di un tifoso, al quale ne è stata proposta la rimozione, senza alcun costo, trattata nel seguente articolo: https://news.superscommesse.it/calciomercato/2016/07/rimozione-tatuaggio-higuain-225959/ .
higSecondo uno studio condotto dalla Quanta System Observatory, azienda leader nella progettazione e produzione di sistemi laser,circa 25 persone su 100 desiderano modificare o eliminare totalmente “l’errore” a causa degli effetti del calciomercato. Tramite il metodo WOA (web opinion analysis), ovvero un monitoraggio online riguardante i social network più in voga, sono state scrutate circa 2000 individui sul territorio italiano tra i 18 e i 60 anni. Questa sorta di tattoo-changing ha avuto un notevole exploit negli ultimi anni grazie alla tecnologia sempre più avanzata, che permette di rimediare ai nomi di ex fidanzate o scritte in lingua giapponese malamente marchiati. E adesso anche ai campioni presenti indelebilmente sull’epidermide dei tifosi traditi.higuain

Perchè i calciatori vanno e vengono, i tatuaggi restano.

  •   
  •  
  •  
  •