Calciomercato, ore decisive per Antonio Candreva

Pubblicato il autore: fabia Segui
Antonio Candreva

Antonio Candreva

Sono ore decisive per il futuro di Antonio Candreva, infatti  l’operazione tra Inter e Lazio non è ancora ufficialmente conclusa, mancano pochi dettagli. Le ultimissime affermazioni sono: “Preferisco non dire nulla della trattativa adesso, gli equilibri sono delicati”, ha commentato a Sportitalia il suo agente Pastorello. L’offerta nerazzurra da 22 milioni più 3 di bonus sfiora la cifra richiesta da Claudio Lotito per cedere il suo giocatore. Al giocatore l’Inter propone un contratto quadriennale da 2,7 milioni netti a stagione più bonus.  Nella giornata di ieri Candreva era atteso dalla Lazio alla clinica Paidea per sostenere le visite mediche di idoneità, ma il giocatore non si è presentato, rimanendo a Formello a svolgere fisioterapia. Domani, invece, Candreva potrebbe presentarsi a Milano per sottoporsi alle visite mediche con il suo nuovo club, l’Inter. I nerazzurri proprio domani torneranno dagli Stati Uniti e godranno di tre giorni liberi concessi da Roberto Mancini. Al ritorno in campo, ossia giovedì alla Pinetina, l’allenatore potrebbe avere già a disposizione Candreva. L’affare è ormai in dirittura d’arrivo, è partito il countdown per vedere l’esterno della Nazionale con la maglia dell’Inter.

Chi è Antonio Candreva? Antonio Candreva in breve

Centrocampista completo, continuo e tatticamente duttile: destro naturale, nasce trequartista, ma viene schierato abitualmente come ala offensiva. All’occorrenza può essere schierato come mezzala o davanti alla difesa. Giocatore veloce e dinamico, è dotato di corsa, grinta e spirito di sacrificio, che lo rendono utile anche in fase di copertura. Possiede una buona tecnica individuale e un buon dribbling; è inoltre abile nel fornire cross precisi dalla fascia per i compagni in area, che lo rende un efficace assist-man. Dotato di un tiro potente, nonostante la posizione defilata in campo è in grado di contribuire in fase offensiva grazie anche alle sue capacità sui calci piazzati e nelle conclusioni dalla distanza con entrambi i piedi, una delle sue doti migliori; è anche un buon rigorista, spesso realizzandoli con il “cucchiaio”.

Inizia la carriera da calciatore professionista nel 2004 in Serie B con la maglia della Ternana. Dopo tre stagioni passate in maglia rossoverde, nel 2007 firma per l’Udinese. Il 27 gennaio 2008, a 20 anni, esordisce in Serie A nella partita Udinese-Inter (0-0). La sua stagione in Friuli è negativa, in campionato l’allenatore Marino gli concede solamente 3 presenze, per piccoli spezzoni di partita.

Il 17 giugno 2014, la Lazio riscatta l’altra metà del cartellino dall’Udinese. Il 24 agosto 2014 mette a segno il primo gol della Lazio nel 7-0 contro il Bassano Virtus nel terzo turno di Coppa Italia; il gol è il primo messo a segno dalla Lazio nella stagione 2014/15.
Il 14 settembre 2014, in occasione della partita vinta, per 3-0, contro il Cesena, partita dove mette a segno anche un gol, raggiunge quota 300 presenze da professionista.
Il 24 settembre rinnova il contratto con i biancocelesti fino al 2019
con conseguente adeguamento che lo porta ad un ingaggio di 1,8 mln di euro più bonus. Il 20 maggio 2015 perde la finale di Coppa Italia dove la Lazio viene battuta di misura dalla Juventus per 2-1. Conclude la stagione con 10 gol in Serie A e 1 in Coppa Italia, contribuendo in maniera decisiva al raggiungimento del terzo posto nonché dei preliminari di Champions League.
Il 16 novembre 2014, in occasione della sfida contro la Croazia valevole per la qualificazione all’ Europeo 2016, mette a segno il suo primo gol con la maglia della Nazionale italiana; aprendo le marcature nella partita che poi si concluderà con il risultato di 1-1.
La stagione 2015-2016 si apre l’8 agosto 2015, giocando da titolare e perdendo la Supercoppa italiana 2015, per 2-0, contro i Campioni d’Italia della Juventus. Il 18 agosto successivo disputa la sua prima partita in Champions League in occasione del turno preliminare, vinto per 1-0, contro i tedeschi del Bayer Leverkusen. Il primo gol stagionale arriva il 22 ottobre 2015 in occasione della vittoria casalinga, per 3-1, contro i norvegesi  del Rosenborg. Conclude la stagione totalizzando 44 presenze e 12 reti che lo eleggono il miglior marcatore biancoceleste, nell’arco dell’intera stagione, per il seconda volta da quando è a Roma.
Il 31 maggio 2016 viene convocato per l’Europeo2016 in Francia L’esordio in tale competizione arriva il 13 giugno successivo in occasione della 1ª partita della fase a gironi vinta contro il Belgio, in cui fornisce l’assist per il gol del definitivo 2-0 di Graziano Pellè al 92º minuto.] Nella seconda partita del girone, vinta per 1-0 contro la Svezia, si procura un’infortunio all’adduttore della gamba destra, che gli impedisce di scendere in campo nelle successive partite dell’Italia, che viene eliminata ai quarti di finale dalla Germania.

 

  •   
  •  
  •  
  •