Salernitana, S. Inzaghi resterà ad allenare la Lazio se Bielsa non firma

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui

Simone-Inzaghi-e1459871731315-600x300Telenovela tra la Lazio e la Salernitana su Marcelo Bielsa e Simone Inzaghi. L’arrivo di Bielsa sulla panchina della Lazio sta infatti assumendo i connotati di un racconto tragico della tradizione latinoamericana. 
L’ultima puntata la scrive il sito ufficiale del club biancoceleste: “La S.S. Lazio comunica di aver già depositato il contratto del Sig. Marcelo Bielsa e dei suoi collaboratori. La Società comunica altresì che, come da comunicazione ricevuta, il mister ed il suo staff saranno a Roma nella giornata di sabato 9 luglio”.
A distanza di settimane Marcelo Bielsa non è ancora sbarcato in Italia dall’Argentina e nessuno può avere certezza che questo accadrà. Dal sud America arrivano voci che il “Loco” abbia già cambiato idea, facendo saltare l’accordo con la Lazio perché attratto dall’idea di poter allenare la Seleccion o la nazionale inglese.
Intanto la squadra biancoceleste, radunatasi ieri dopo le visite mediche, è stata rispedita a casa perché senza un allenatore.
E cosa accadrebbe se realmente Marcelo Bielsa non allenerà la Lazio nella prossima stagione?
I guai, in questo caso, sarebbero tutti della Salernitana poiché un eventuale naufragio della trattativa con Bielsa riporterebbe in casa Lazio la possibilità di riavere Simone Inzaghi, lasciando di fatto la Salernitana senza l’allenatore.
In questo caso i problemi della società di Salerno si raddoppierebbero, dal momento in cui Inzaghino si è già mosso in sede di mercato dove ha chiesto precise garazie a Lotito e Fabiani.
Il tutto potrebbe essere clamorosamente cancellato in un batter d’occhio. Se salta Bielsa, Simone Inzaghi è la prima scelta per la panchina della Lazio. Più di Prandelli (sedotto, illuso ed abbandonato da Lotito), più di Pioli già sotto contratto, più di un eventuale ritorno di Edy Reja.
L’unica cosa da fare è  aspettare ancora, rimandando ulteriormente le presentazioni sia alla Lazio quanto alla Salernitana. Comunque vada, in questa storia non ci saranno vincitori ma un solo vinto: il copatron della Salernitana e patron della Lazio Claudio Lotito ed il suo modus operandi derivato da un’agenda sempre piena di impegni e ben due squadre a cui rendere conto.
Nessuna novità poi per il futuro di Alfredo Donnarumma, attaccante cercato da numerose società. Resta il fatto che per ora il giocatore resterà alla corte di Lotito e Mezzaroma con la volontà di poter discutere presto un adeguamento e chiarire anche la sua posizione all’interno della futura rosa. Inzaghi, tecnico in pectore dei granata, sa benissimo che troverà sia Coda che Donnarumma, dunque avrebbe pensato già ad alcune varianti del suo 4-3-3, come ad esempio il 4-3-1-2 che potrebbe essere proposto fin dall’inizio del campionato.
Come se non bastasse un ulteriore problema aleggia sullo stadio Arechi di Salerno: un virus infettivo all’erba.
In questi giorni gli addetti ai lavori hanno scoperto alcune complicanze che potrebbero rendere necessaria la rizzollatura dell’intero terreno di gioco. La colpa sembra essere di un’infezione che ha colpito l’intero manto erboso dello stadio salernitano. Il tutto deve essere risolto entro il 3 agosto, quando la Salernitana dovrebbe disputare una partita amichevole contro un prestigioso club straniero (pare una squadra greca ma manca ancora l’ufficialità).

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Lazio-Parma: tante seconde linee in campo

 

  •   
  •  
  •  
  •