Sampdoria Giampaolo, ci siamo. Sarà lui il sostituto di Montella

Pubblicato il autore: Rocco Menechella Segui

Sampdoria Giampolo, a breve l’annuncio ufficiale: sarà l’ex Empoli il successore di Montella. Valzer di allenatori in Serie A, le pedine stanno pian piano trovando la giusta casella. Vincenzo Montella è stato scelto ufficialmente dal Milan, Sinisa Mihajlovic dal Torino, Beppe Iachini dall’Udinese, Ivan Juric dal Genoa e così via. Ora tocca alla  Sampdoria puntare sul nuovo corso. Dopo aver salutato Montella, infatti, la Sampdoria annuncerà nelle prossime ore Marco Giampaolo: come evidenzia ‘Sky Sport’ è sempre più forte la candidatura dell’ex Empoli per allenare i blucerchiati dalla prossima stagione, al via ufficialmente il prossimo mese. Ieri a Roma gli stati generali blucerchiati guidati dal presidente Massimo Ferrero che aveva avuto un colloquio proprio con l’ex tecnico dell’Empoli. Dunque dopo l’addio a Vincenzo Montella diventato il nuovo allenatore del Milan, la Sampdoria aveva intenzione di chiudere in fretta il discorso legato al suo sostituto con Pioli e Giampaolo in corsa, fino ad ieri con le stesse percentuali di successo. Poi la scelta è caduta su Giampaolo tanto che oggi dovrebbe arrivare l’annuncio ufficiale da parte del presidente Ferrero. Intanto sul fronte del mercato, al di là di chi sarà il nuovo tecnico, sicuro l’arrivo in prestito dalla Roma del brasiliano Leandro Castan.  Decisivo quindi il nuovo incontro tra le parti stamattina, la concorrenza di Pioli è stata ormai quasi definitivamente battuta da Giampaolo. Il tecnico che ha stupito come successore di Sarri all’Empoli sembrava ad un passo dal Milan, prima che i rossoneri decidessero di puntare tutto su Montella. E così, il destino vede Giampaolo sulla panchina di chi, fino a poche settimane fa, sembrava destinato a rimanere. Allo stato attuale, a meno di novità che rispondono al nome di Pioli, sarà proprio l’ex Cagliari ed Empoli ad allenare la Sampdoria del vulcanico presidente Ferrero. Ennesimo cambio per la Sampdoria tra l’altro, che nell’ultimo anno è stata gestita da Zenga, Montella ed ora, molto probabilmente, da Marco Giampaolo.

CHI E’ MARCO GIAMPAOLO Una vita di gavetta, tutta, o quasi, in squadre a cavallo tra il sud e il centro Italia, ruolo centrocampista, presenze tante, soprattutto nel Giulianova, non moltissime le segnature. Nel Pescara inizia la sua strada da allenatore, prima come osservatore, a farsi le ossa, poi come vice-tecnico, medesimo percorso negli anni avvenire sia nel Giulianova (ritorno) che nel Treviso. Nel 2004 assapora la massima serie nostrana finalmente da allenatore coadiuvato da Silva, in quanto non ancora in possesso del patentino di tecnico di prima categoria. E’ qui che riesce forse nella prima, impresa della sua carriera da allenatore, l’Ascoli non solo riesce a risalire in A dopo molti anni di assenza dal grande calcio, ma ci rimane pure, infatti dopo un inizio stentato, riesce a salvarsi con ben due giornate d’anticipo, in un campionato che vedrà i marchigiani capaci di strappare anche un pari al Milan alla prima giornata. In fondo alla competizione la sorpresa della commissione disciplinare: sospensione per due mesi che si traduce in cambio di residenza per lui. Cagliari fa rima con Cellino, e l’andamento della squadra con l’umore del presidente: due volte esonerato, una sola volta ritornato, con tanto di salvezza ripresa per i capelli al primo anno e un no, nel secondo, che sa di scocciatura “Pur nella consapevolezza del danno economico che ne deriverà, rinuncio a tornare a Cagliari. L’orgoglio e la dignità non hanno prezzo”. C’è ancora il tempo di raggiungere il record di punti con il Siena, con annesso esonero l’anno successivo, e collezionare i miseri 22 punti in 20 apparizioni con il Catania, poi dopo passato al Simeone (che portò in alto gli etnei). Negli ultimi anni Cesena e Brescia, esperienze breve e non proprio ottimali dal punto di vista dei risultati prima del ritorno nel calcio che conta proprio con l’Empoli tanto da meritarsi le attenzioni del Milan prima di approdare come sembra nel mondo della Sampdoria.

  •   
  •  
  •  
  •