Torino, l’addio da brividi di Glik

Pubblicato il autore: Luigi Mellone Segui

 

Kamil Glick, il giorno dell'addio

Kamil Glick, il giorno dell’addio

Alla fine è arrivata l’ufficialità: il capitano del Torino Kamil Glik dopo 5 stagioni, 171 presenze e 13 gol, lascerà il club granata per approdare al Monaco (leggi qui la notizia).”I duri hanno due cuori” cantava Luciano Ligabue ed è proprio vero. Il difensore polacco ha voluto ringraziare i propri tifosi con una lettera da brividi, che sancisce ancor di più l’amore reciproco tra l’ormai ex capitano e i supporters granata. Parole sincere che, ormai troppe poche volte, sentiamo da parte di calciatori che preferiscono il denaro all’amore di un popolo.

“Il Toro sarà per sempre la mia seconda casa”

Questa la lettera integrale di Kamil Glik:

“Care tifose e tifosi del Toro,  

è per me un momento importante della mia carriera, sono molto felice ma allo stesso tempo c’è un po’ di malinconia dentro me perchè dopo cinque anni lascio il Toro, una grande famiglia che per me è stata come una seconda casa. Permettetemi subito di ringraziare il Presidente Cairo, si è dimostrato come sempre di parola: alla fine della stagione gli avevo chiesto la possibilità di lasciarmi andare incontro ad un’altra esperienza se fosse arrivata un’offerta molto importante per me e per il Torino. Un particolare ringraziamento va al Direttore Petrachi per la sua professionalità e a tutti i collaboratori e dipendenti del Torino per la disponibilità quotidiana. Oggi il mio pensiero va anche al mister Ventura e a tutto il suo staff: se posso vivere questo sogno è anche merito loro.  

Non dimenticherò mai queste cinque stagioni: abbiamo raggiunto traguardi prestigiosi. Siamo cresciuti tantissimo insieme. Alla gente del Toro dico grazie perchè mi ha sempre voluto un bene speciale e per me non è stato difficile ricambiare questo affetto. Ho scelto Monaco per tutta una serie di buone ragioni: tra queste, non lo nego, c’è anche la vicinanza con Torino, una città che continuerà a far parte della mia vita e di quella della mia famiglia. Continuerò ad essere un grande tifoso del Toro, non solo per gratitudine ma perchè è vero che questa maglia ti entra dentro, e ogni volta che potrò verrò al “Grande Torino” per tifare per i miei compagni e per i ragazzi che verranno dopo di me. Quando tornerò andrò ancora a Superga per dire una preghiera: devo dire anche grazie al Toro se al 4 maggio, leggendo quei 31 nomi, ho provato, come uomo, un’emozione che non si può descrivere.  

Con il mio forte abbraccio a ciascuno di voi, ai veri tifosi del Toro vorrei infine dire un’ultima cosa: restate sempre vicini alla squadra, quando si vince ma anche quando si perde. Essere granata è anche questo. Vi voglio bene, sempre Forza Toro!”

Le reazioni di tifosi

Contrastanti le reazioni dei tifosi Granata sul web. Scorrendo i commenti dei tifosi che hanno assalito i social per commentare l’addio, molti sono delusi dal comportamento di Glik, che non moltissimo tempo fa aveva dichiarato di non vedere nessuna squadra nel suo futuro se non il Torino. Un’altra frangia di tifosi invece accusa il presidente di non amare il Club, bensì di pensare ad aumentare il suo capitale.
Ma se è vero ciò che dice Antonello Venditti, “certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano”,  in futuro vedremo ancora il nome di Kamil Glik legato a quello del Torino.

Leggi anche:  News mercato Lazio, Fiorentina Caicedo si può fare: bastano 5 milioni per portarlo via da Roma

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: