Calciomercato in Serie A: i club che si muovono meglio

Pubblicato il autore: Mattia Fumarola Segui

Fonte: Juventus Sito Ufficiale

Finalmente anche agosto è ormai giunto: ci sono ancora in corso grosse trattative, ma, essendo già trascorsa una buona parte di questo calciomercato in Serie A, si possono già trarre diverse conclusioni su come hanno agito le squadre della massima categoria italiana fino ad ora.

Solitamente, quando si fa un elenco dei club, si usa partire da quelli più piccoli, ma in questo caso sarebbe meglio spendere più parole per l’unica squadra che finora ha svolto un mercato stellare, decisamente staccato rispetto alle altre italiane e capace di competere con tutti quelli dei top club d’europa: ovviamente si parla della Juventus, che con spese assolutamente non esagerate è riuscita a rinforzare la propria rosa con elementi eccelsi a livello internazione come il terzino brasiliano Dani Alves (arrivato gratuitamente dal Barcellona), il centrale ex Roma Medhi Benatia (tramite un prestito di 3 milioni con dirittto di riscatto fissato a 17), l’ala sinistra croata Marko Pjaca (dalla Dinamo Zagabria per 23 milioni), il regista ex Roma Miralem Pjanic (per 32 mln) e, infine, l’acquisto shock di Gonzalo Higuain dal Napoli per 9o mln che ha creato quel grande scalpore e lunghe discussioni tra partenopei e non solo. Ovviamente ci sarebbe molto più da dire sulle azione del mercato di Marotta e Paratici, che tra l’altro in uscita hanno fatto cassa cedendo Alvaro Morata al Real per 30 milioni e che sono sempre più vicini alla cessione di Paul Pogba allo United per circa 130 mlm, ma dato che bisogna trattare tutte le squadre della Serie A sarebbe meglio andare avanti e non soffermarsi più di tanto.

Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio

Tra le società che, anche se con un abisso di differenza rispetto alla Juventus, stanno rendendo valido il calciomercato in Serie A quest’anno, ci sono sicuramente Roma, Torino e Lazio: la prima ha finora svolto buone trattative in entrata, con l’acquisto del giovane brasiliano Gerson per 16,60 milioni dal Fluminense, i riscatti di Salah, El Shaarawy, Dzeko, Rudiger e Perotti e gli arrivi di Mario Rui con un prestito di 3 milioni dall’Empoli e Zukanovic dalla Samp per 2,8 mln. Le spese totali superano addirittura i 95 milioni, e ciò mostra comunque che la società ci tiene a fare bene in campionato e in Champions, ma sicuramente azioni positive non sono state fatte in uscita, tenendo conto delle cessione di Pjanic per 32 milioni (3 in meno rispetto al reale valore di mercato del giocatore) e di Ljajic, ceduto ai granata per soli 8 milioni, quando in realtà ne vale più di 12. Proprio il Torino è la seconda squadra sopracitata, che a differenza dei giallorossi ha compiuto anche delle ottime cessioni, come il centrale Glik venduto al Monaco per ben 11 milioni e l’ormai 33enne Fabio Quagliarella ceduto alla Sampdoria per più di due milioni e mezzo, riuscendo nel complesso a raggiungere un bilancio complessivo superiore ai 4 milioni e mezzo. Decisamente più complessa è la questione relativa alla biancoceleste, che nonostante i vari scandali creati da Lotito nelle scorse settimane, si sta muovendo molto bene soprattutto in entrata con gli acquisti di Ciro Immobile, Wallace e Jordan Lukaku rispettivamente da Siviglia, Braga e Oostende per una spesa totale di soli 21 milioni e mezzo.

Leggi anche:  Calciomercato, Atletico M. su Milik: il polacco lascerà Napoli

Eccole qui, dunque, le squadre che per ora si sono mosse meglio durante questa sessione di calciomercato in Serie A. Tra le altre, l’Inter finora ha svolto un mercato senza infamia e senza lode, con i riscatti di Dodò, Brozovic e Manaj e gli arrivi dei due argentini Ansaldi (per 6 milioni dal Genoa) e Banega (a parametro zero). Assolutamente più tragica è la situazione attuale del Milan, che per il momento ha sborsato in tutto solamente 9 milioni per Lapadula dal Pescara, che nonostante sia una neopromossa ha speso più dei rossoneri (circa 11 milioni) per gli arrivi di Verre, Fiorillo, Biraghi ed altri giovani di ottima prospettiva.

  •   
  •  
  •  
  •