Calciomercato Roma: il Chelsea torna alla carica per Manolas e Nainggolan

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

calciomercato romaCalciomercato Roma: l’inopinata eliminazione nel playoff di Champions League contro il Porto avrà inevitabilmente riflessi sul calciomercato Roma, in entrata, ma sopratutto in uscita. Senza i proventi derivanti dalla disputa della fase a gironi della Champions League, la società giallorossa dovrà forse effettuare delle rinunce, anche dolorose. Kostas Manolas e Radja Nainggolan sono sicuramente i giallorossi più inseguiti dalle grandi d’Europa, con il Chelsea in prima fila. Antonio Conte è alla ricerca di un difensore di spessore per il suo Chelsea, l’ex c.t. della Nazionale ha come obiettivi alcuni giocatori del campionato italiano, tra questi anche Manolas. Dopo aver cercato Koulibaly, Maksimovic e Romagnoli, ora Conte potrebbe tornare all’assalto di Manolas con la Roma. Il difensore greco ex Olympiacos è alle prese con un complicato rinnovo di contratto per il calciomercato Roma, la delusione subita contro il Porto potrebbe indurlo ad ascoltare le offerte provenienti dalla Premier League.
I Blues riprenderanno i contatti con il d.s. giallorosso Walter Sabatini anche per Nainggolan, uno dei pochi a salvarsi nella disastrosa serata dell’Olimpico contro il Porto. Conte stravede per il belga, lo avrebbe voluto già alla Juventus, un’offerta da 40 milioni di euro potrebbe far vacillare il presidente Pallotta. E’ vero che manca una solo settimana alla fine del calciomercato Roma, ma i contatti tra le due società sono stati continui per tutta l’estate, se ci fosse un’apertura su uno dei due campioni giallorossi l’affare si farebbe in pochissimo tempo.

Leggi anche:  Amichevoli Roma 2021: tutti gli impegni precampionato dei giallorossi

Calciomercato Roma:  Umberto Gandini sarà il nuovo amministratore delegato

Umberto Gandini, storico dirigente del Milan, ha deciso di lasciare il club rossonero: entro breve tempo, al massimo qualche settimana, diventerà amministratore delegato della Roma. La proposta ricevuta dal presidente Pallotta, arrivata proprio nel momento in cui sta per scattare la rivoluzione cinese in casa Milan, lo ha spinto a lasciare la società per la quale lavora da oltre vent’anni e della quale è sempre stato un punto fermo: oggi ricopre il ruolo di direttore organizzativo ma in pratica è un autentico ministro degli esteri. La Roma cercava ormai da un paio di mesi il nuovo amministratore delegato, dopo l’uscita di scena di Zanzi. Le deleghe di quest’ultimo erano state affidate temporaneamente dal consiglio di amministrazione al direttore generale Mauro Baldissoni, che nella circostanza ha visto il suo contratto prolungato per altre tre stagioni. Umberto Gandini, legatissimo a Galliani porta esperienza e conoscenze internazionali all’interno del mondo giallorosso, non a caso ricopre anche la carica di vicepresidente dell’Eca, l’associazione dei club europei presieduta da Rummenigge.

  •   
  •  
  •  
  •