Chelsea – Romagnoli, tutto un bluff per nascondere le difficoltà di mercato del Milan?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
difesa milan
Romagnoli – Chelsea
, una trattativa mai nata che probabilmente a fine mercato verrà utilizzata per tessere le lodi agli sforzi fatti dal Milan per trattenere uno dei pochi giocatori di prospettiva presenti nella rosa rossonera rinunciando ai milioni di euro del club inglese… In queste ultime ore si sono fatte sempre più insistenti una serie di voci sull’interessamento del Chelsea di Antonio Conte nei confronti del difensore del Milan Alessio Romagnoli. Il club inglese sarebbe addirittura pronto a sborsare 45 milioni di euro più 5 milioni di bonus per strappare il giocatore al club rossonero. Le voci sulla presunta offerta del Chelsea si accompagnano alle altre voci relative all’ “eroica” decisione della dirigenza del Milan di rifiutare la ricchissima proposta arrivata dall’Inghilterra. Una scelta da osannare quella del club rossonero se si considera che arriverebbe dopo il rifiuto, sempre delle scorse ore, nei confronti dell’offerta del West Ham, l’ennesima, di 30 milioni per Carlos Bacca. Ma siamo sicuri che queste voci siano vere? Sono diversi, infatti, gli elementi che spingono a pensare come questa trattativa in realtà non sia mai nata.
Il primo riguarda le scelte di Antonio Conte e la sua spiccata dote da leader “tecnico” delle squadre che ha allenato nella sua carriera. Ricordiamo che soltanto poche settimane fa lo stesso Conte, che adesso viene dipinto come ” innamorato” del difensore del Milan, siedeva sulla panchina della Nazionale italiana ed al momento della scelta dei convocati per Euro 2016 l’ex allenatore della Juventus ha compiuto alcune scelte che stridono con i suoi  “potenziali” obiettivi di mercato. Proprio il difensore di cui si sta parlando, Alessio Romagnoli, è stato bocciato senza mezzi termini da Antonio Conte che per la spedizione francese ha preferito al giocatore del Milan i vari Astori, Izzo, Tonelli ( poi comunque tagliati da Conte) ed Ogbonna ( presente nella lista dei 23 che hanno preso parte all’Europeo).  Alla luce di questi fatti inconfutabili il Chelsea sarebbe pronto a fare un investimento ( tra cartellino ed ingaggio) che sfiora i 70 milioni di euro per un giocatore “apparentemente” non tra le primissime scelte del proprio allenatore?…….
Il secondo motivo che spinge a pensare che tutte queste voci siano soltanto un bluff riguarda proprio i tempi in cui questa presunta trattativa sta nascendo. A sette giorni dalla chiusura del mercato appare impensabile che due società esperte e di livello internazionale come Milan e Chelsea riescano ad accorciare i tempi per mettere a punto una trattativa così “pesante” a livello economico. Senza contare il fatto che, ceduto Romagnoli, il Milan dovrebbe avere poi il tempo per andare alla ricerca di un altro ( anzi, di altri due) difensore in grado di sopperire all’addio del giovane. Solitamente gli ultimi giorni di mercato sono utilizzati per chiudere operazioni di basso rilievo e low cost e mai per imbastire trattative di una certa rilevanza.
Il “timore” quindi è quello che ancora una volta il Milan passerà per la società che ha resistito alle lusinghe milionarie di potenti club potendosi vantare di aver difeso i gioielli presenti nella propria rosa nascondendo, di fatto, in questo modo gli imbarazzi di una campagna acquisti assolutamente di livello mediocre…
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,