Come giocherebbero ad oggi le 20 squadre di Serie A

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Pallone-Serie-A

Mancano poco meno di venti giorni all’inizio della nuova stagione calcistica e, fra un ritiro e l’altro, cominciano a prendere vita quelle che saranno le squadre della massima serie. Fra nuovi moduli, innesti e allenatori, cerchiamo di fare un pò di ordine.
Di seguito, una panoramica di come potrebbero, ad oggi, presentarsi ai nastri di partenza i vari club di Serie A.

-ATALANTA (3-4-3) – Sportiello; Toloi, Masiello, ZUKANOVIC; Conti, KESSIE, Kurtic, Dramè; D’Alessandro, PALOSCHI, Gomez. All: GASPERINI.
Nella “Dea” spicca l’arrivo di Paloschi, dopo l’avventura inglese allo Swansea City. Con Gasperini sulla panchina sarà fondamentale il gioco sulle fasce.

-BOLOGNA (4-2-3-1) – Mirante; Mbaye, Gastaldello, Oikonomou, Masina; Taider, Donsah; DI FRANCESCO, Mounier, KREJCI; Destro. All: Donadoni.
Confermato Donadoni, confermato quasi in blocco l’undici dello scorso anno. Molta attesa per il centrocampista ceco Krejci, titolare inamovibile della sua nazionale.

-CAGLIARI (4-3-1-2) – Storari; Pisacane, BRUNO ALVES, Ceppitelli, Murru; PADOIN, Di Gennaro, IONITA; Joao Pedro; Farias, Sau. All: Rastelli.
A veder la formazione sarda, almeno per ora, viene data fiducia a buona parte di chi ha riportato il Cagliari nella massima serie. Bel colpo l’acquisto del portoghese Bruno Alves sulla fascia, fresco campione d’Europa.

-CHIEVO VERONA (4-3-1-2) – SORRENTINO; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Birsa; Meggiorini, Inglese. All: Maran.
Mercato non ancora decollato per i clivensi. Da registrare il ritorno in porta di Sorrentino.

-CROTONE (3-4-3) – Cordaz; SAMPIRISI, Ferrari, CECCHERINI; Zampano, CAPEZZI, TONEV, Martella; NALINI, SIMY, Palladino. All: NICOLA.
Esordio per i calabresi in Serie A. La salvezza appare un difficile obiettivo, ma la società sta operando al meglio per cercare di mettere a disposizione di Nicola una rosa di buon livello. Possibile ritorno di Budimir in prestito dalla Sampdoria.

-EMPOLI (4-3-1-2) – Pelagotti; Laurini, BELLUSCI, Costa, PASQUAL; Buchel, Diousse, TELLO; Saponara; Pucciarelli, GILARDINO. All: MARTUSCIELLO.
Riuscirà l’Empoli a salvarsi per la terza volta di fila? Provare l’impresa spetterà a Martuscello, diventato il nuovo allenatore dei toscani dopo la partenza di Giampaolo. Le cessione di Mario Rui e Tonelli hanno indebolito il reparto difensivo, ma l’arrivo di Gilardino porta sicuramente esperienza in attacco.

-FIORENTINA (3-4-2-1) – Tatarusanu; Tomovic, G.Rodriguez, Astori; Bernardeschi, Badelj, Vecino, Alonso; Ilicic, Borja Valero; Kalinic. All: Sousa.
Per ora la Viola si è limitata soprattutto a cedere chi non rientrava più nel progetto, senza portarsi a casa nessun gran colpo. Pasqual, capitano per tanti anni, è volato ad Empoli.

-GENOA (3-4-3) – Perin; Izzo, GENTILETTI, Burdisso; Rosi, Rincon, MIGUEL VELOSO, Laxalt; OCAMPOS, Pavoletti, Pandev. All: JURIC.
La novità più importante, in casa rossoblù, è certamente il cambio di panchina. A Genova, sponda genoana, arriva Juric, dopo la promozione con il Crotone. Considerato l’erede di Gasperini, spetterà a lui non far rimpiangere il suo predecessore. Attendendo la conferma o meno di Pavoletti, rinforzano la rosa Gentiletti in difesa e Veloso a centrocampo.

-INTER (4-2-3-1) – Handanovic; ANSALDI, Miranda, Murillo, ERKIN; Medel, Kondogbia; Brozovic, BANEGA, Perisic; Icardi. All: Mancini.
Interessanti gli arrivi di Ansaldi e Banega, ma per fare il salto di qualità serve ben altro, e Mancini pare averlo capito. Da qui a fine mercato possibili colpi di scena.

-JUVENTUS (3-5-2) – Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; DANI ALVES, Pogba, Khedira, PJANIC, Alex Sandro; HIGUAIN, Dybala. All: Allegri.
Straordinario. Non c’è altro modo per definire il mercato condotto da Beppe Marotta. il Dg bianconero non solo è riuscito a rafforzare la rosa a disposizione di Allegri, ma allo stesso tempo ha aumentato il gap con le altre “big“, portando via Pjanic dalla Roma e Higuain dal Napoli. Sesto scudetto di fila già cucito sul petto?

-LAZIO (4-3-3) – Marchetti; Basta, de Vrij, WALLACE, LUKAKU; Parolo, Biglia, Cataldi; Felipe Anderson, IMMOBILE, Candreva. All: S. Inzaghi.
Archiviato il “caso Bielsa” con il ritorno in panchina di Inzaghi, seppur con una campagna abbonamenti non certo esaltante, si registra l’arrivo di alcuni elementi interessanti, in primis Lukaku e Immobile. Una partenza di Candreva, però, potrebbe alimentare nuovi malumori all’interno della tifoseria biancoceleste.

-MILAN (4-3-1-2) – Donnarumma; Abate, Paletta (Zapata), Romagnoli, Antonelli; Kucka, Montolivo, Bertolacci; Bonaventura; LAPADULA, Bacca. All: MONTELLA.
Doveva essere l’estate della svolta, con la cessione della Società ai cinesi ma, al momento, il mercato rossonero è uno dei più deludenti dell’intera Serie A. A parte l’arrivo dell’ormai ex attaccante pescarese, Montella continua ad aspettare i rinforzi promessi dalla dirigenza.

-NAPOLI (4-3-3) – Reina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, MILIK, Insigne. All: Sarri.
Fa ancora discutere il passaggio in bianconero di Higuain. La sua partenza ha lasciato un vuoto in mezzo all’attacco partenopeo, al momento colmato con Milik, non proprio il sogno della tifoseria Campana. Entro la fine del mercato arriverà l’erede del “Pipita”?

-PALERMO (3-4-3) – Posavec; Cionek, Gonzalez, Andjelkovic; Rispoli, Hiljemark, Jajalo, Lazaar; Embalo, Trajkovski, Balogh. All: Ballardini.
Come altre squadre di Serie A, anche il Palermo non registra nessun movimento di mercato degno di nota, se non l’uscita di Gilardino, approdato all’Empoli.

-PESCARA(4-3-3) – BIZZARRI; Zampano, Campagnaro, Zuparic, BIRAGHI; Memushaj, Verre, CRISTANTE; Caprari, MANAJ, Benali. All: Oddo.
Confermato il tecnico che ha firmato il ritorno nel massimo campionato italiano, la Società abruzzese sta costruendo una rosa composta da giovani elementi. Interessanti gli innesti di Cristante e Manaj. Da definire la permanenza o meno di Verre, ambito da diversi club italiani.

-ROMA (4-3-3) – ALISSON; Florenzi; Manolas, JUAN JESUS, Emerson Palmieri; Strootman, De Rossi, Nainggolan; Salah, Perotti, El Shaarawy. All: Spalletti.
Come per il Napoli, anche per la Roma c’è da registrare una partenza illustre, quella di Pjanic, che al momento verrebbe sostituto da Strootman. Cambio anche in posta, con l’arrivo del portiere brasiliani Alisson. A rafforzare la linea difensiva, invece, Juan Jesus.

-SAMPDORIA (4-3-1-2) – Viviano; De Silvestri, CASTAN, Silvestre, Regini; Soriano, CIGARINI, Barreto; Alvarez; Quagliarella, Muriel. All: GIAMPAOLO.
Cantiere aperto in casa Samp. Vicinissima la cessione di Soriano in terra spagnola, mentre dovrebbe arrivare dall’Udinese il giovane Bruno Fernandes. Rumors di mercato parlano di Verre in orbita blucerchiata. Da verificare le varie scommesse come Torreira, Schick, Linetty e Djuricic. Giampaolo spinge per qualche innesto che conosca bene il nostro campionato.

-SASSUOLO (4-3-3) – Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Pellegrini, Magnanelli, Duncan; Berardi, Defrel, Sansone. All: Di Francesco.
Squadra che va bene non si cambia. Il Sassuolo, che si prepara all’esordio in Europa, mantiene per adesso lo stesso assetto della passata stagione. Di Francesco si affida ancora una volta all’estro di Berardi in attacco.

-TORINO (4-3-3) – Padelli; Bruno Peres, Maksimovic, AJETI, Molinaro; Benassi; Vives, Baselli; IAGO FALQUE, Belotti, LJAJIC. All: MIHAJLOVIC.
Partito nuovamente Immobile, Mihajlovic sostituirà Ventura, diventato nel frattempo il nuovo  Ct della Nazionale italiana. In attacco i granata si presentano con un interessante tridente, rafforzato da Iago Falque e Ljajic a supporto della punta centrale Belotti.

-UDINESE (3-5-2) – Karnezis; Heurtaux, Danilo, ANGELLA; Widmer, FOFANA, DE PAUL, Kone, Ali Adnan; Thereau, Zapata. All: IACHINI.
L’obiettivo dei friulani è quello di disputare un campionato più tranquillo del precedente anno. Sulla panchina arriva Beppe Iachini, assoluta garanzia nel dare grinta e motivazioni ai propri giocatori. Con il saluto di Di Natale, l’attacco bianconero si affiderà in toto a Zapata, che ha dimostrato di poter essere decisivo sotto rete.

  •   
  •  
  •  
  •