Mancini lascia l’Inter: “Addio in serenità, auguri alla squadra”

Pubblicato il autore: Saverio Crea Segui

manciniroberto

Inter: Mancini si congeda

Roberto Mancini, da qualche ora, non è più l’allenatore dell’Inter. Il tecnico, ex Manchester City, era tornato nel club di Milano, dopo la prima esperienza vincente nell’era post Calciopoli. Il Mancio si congeda dai tifosi e dai giocatori, all’Ansa: “Oggi termina il mio impegno professionale con l’Inter, soluzione condivisa con il club in totale serenità. Desidero ringraziare i tifosi nerazzurri, che con passione e fedeltà mi hanno sempre sostenuto, e i giocatori che in questi venti mesi sono stati splendidi e impeccabili professionisti. Un ringraziamento anche a tutte le persone che hanno lavorato con me ad Appiano Gentile, alla proprietà del club e ai suoi dirigenti. Auguro all’Inter e ai tifosi un futuro pieno di soddisfazioni ed importanti traguardi sportivi”. Le sue parole sono senza astio e senza rancore, come vuole il suo stile sobrio(forse all’apparenza). Mancini ha dato tanto all’Inter ma i rapporti si erano deteriorati nelle ultime settimane. La proprietà Suning, non era contenta del pre-campionato e l’allenatore non accettava un calciomercato, privo degli obiettivi da lui richiesti. Il suo pallino Yaya Touré, Reus e altri colpi, non sono stati accettati dalla società nerazzura, che ha puntato invece su Candreva e Banega, anche a causa del fair-play finanziario. Roby, era stato accostato alla Nazionale Italiana, dopo l’addio di Antonio Conte. In quel caso, Giampiero Ventura gli era stato preferito, per questioni economiche. A pochi giorni dall’inizio dei vari Campionati in Europa, difficilmente vedremo lo jesino in un’altra panchina. Ci potrebbe essere per lui, un anno sabbatico. Un anno di riflessioni, per tornare, magari, in una big europea. Staremo a vedere, da oggi però finisce l’idillio tra Mancini e l’Inter. La squadra, andrà in mano a Frank De Boer, ex calciatore ed ex tecnico dei Lancieri d’Olanda, l’Ajax. Rivoluzione a Milano, si aspettano risultati in campo.

  •   
  •  
  •  
  •