Mercato Juve: tutti i numeri di Axel Witsel

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui

092346727-2bf01958-86ea-4032-a2ac-5ab24b4e2fc4
Mercato JuveAxel Witsel, l’ultimo arrivato in casa Juve, va a completare una rosa già fortissima, pronta a competere con i top team europei nella prossima Champions League. L’ormai ex giocatore dello Zenit sarà il primo belga nella storia ultracentenaria della Juventus, che dopo averlo inseguito a lungo la scorsa estate, lo porta a casa con una cifra oscillante tra i 18 e i 20 milioni di euro. La notizia dell’acquisto di Witsel però, pare non abbia scaldato troppo i cuori dei tifosi bianconeri, che magari gli avrebbero preferito Matuidi. Andando a spulciare sui social network, sulle pagine dedicate al mercato Juve, si evince lo scetticismo nei suoi confronti, con la frase più ricorrente “non è da Juve”. Ma su cosa si basano tali giudizi poco positivi sul conto di Witsel? Soprattutto sulle prestazioni non esaltanti all’ultimo europeo, ma anche sul fatto che giocando in un campionato poco appetibile, paga in termini di visibilità internazionale. Fatto sta che Witsel arriva in Italia con la fama di giocatore lento e macchinoso e pertanto poco adatto al nostro campionato, dove corsa e dinamismo la fanno da padroni.
Per smontare tali convinzioni, abbiamo deciso di analizzarne i numeri: innanzitutto parliamo di un centrocampista che a 27 anni ha già giocato in 3 differenti campionati europei, collezionato 80 presenze nelle coppe europee e 74 con la nazionale belga. In carriera, tenendo in considerazione tutte le competizioni, ha segnato in totale 70 reti in 405 apparizioni con squadre di club, mentre sono 7 le reti messe a segno con la sua nazionale. Con lo Standard Liegi, squadra che lo ha fatto esordire in massima serie belga a soli 17 anni, ha giocato dal 2006 al 2011 per un totale di 5 stagioni, mettendo a segno ben 44 gol, di cui 6 nelle coppe europee, in 192 presenze. Passa poi al Benfica, dove in poco più di una stagione, gioca 54 partite condite da 5 reti, due delle quali in Champions League. Nella stagione 2012/2013 passa per 40 milioni di euro allo Zenit d Sanpietroburgo, voluto fortemente dal tecnico Luciano Spalletti. In Russia gioca 161 partite e segna 21 reti, accumulando buona esperienza internazionale essendo lo Zenit un habitué della Champions League. Sono infatti 40 le presenze europee con la squadra russa impreziosite da 4 segnature.
In nazionale Witsel ha esordito nel 2008, dopo aver giocato in tutte le rappresentative giovanili del Belgio. Proprio all’esordio, a soli 19 anni segna il suo primo gol in nazionale. Con i Diavoli Rossi, Witsel ha giocato sia il mondiale brasiliano che l’europeo francese, nel quale ha messo a segno anche un gol.

Mercato Juve, Witsel nello scacchiere di Allegri

Da i numeri appena esposti, si capisce che Witsel sia già un centrocampista di grande esperienza e dal sicuro valore. Lontano anni luce dalla classe di Pogba, dalla fantasia di Pjanic o dall’esplosività di Vidal, Witsel è un centrocampista che fa della regolarità la sua dote migliore. Sa fare tutto e può giocare ovunque in mezzo al campo: bravo in interdizione, ma anche in impostazione, parliamo di un calciatore ambidestro e dal gran fisico. In attesa che il campo dia i suoi giudizi insindacabili, possiamo dunque affermare che Witsel si presenti a Torino con una carriera alle spalle di tutto rispetto checchè ne dicano gli scettici. Allegri può utilizzarlo in tutte le posizioni del suo centrocampo: vertice basso, mezz’ala o trequartista, sono tutte posizioni che il belga ha già ricoperto con profitto.

  •   
  •  
  •  
  •