Possibili dimissioni Paulo Sousa: a Firenze non ci si annoia proprio mai…

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Paulo-Sousa-Fiorentina-1900x1283_c

La notizia rimbalza con l’eco di una deflagrazione. Paulo Sousa starebbe pensando alle dimissioni da allenatore viola, dopo una stagione e un paio di partite della successiva. In casa viola, dal 1982 ad oggi almeno, se ne contano solamente quattro,  esclusa la sua(ammesso che porti avanti questa idea): nel 1985 De Sisti, fresco di operazione, diede le dimissioni da allenatore viola (era arrivato nel 1980) dopo che la dirigenza aveva deciso che dovesse essere affiancato da Ferruccio Valcareggi, che allenò l’ex giocatore di Roma e Fiorentina in Nazionale. Si dimise Terim nel febbraio 2001, stufo delle vessazioni di Cecchi Gori e delle sue promesse a vuoto. Se ne andò Mancini nel dicembre 2001, in piena bagarre-fallimento, adducendo il motivo ad un aspro diverbio con alcuni tifosi in piena notte.  Diede le dimissioni il tifoso Mondonico dopo poche giornate del campionato 2004-2005, adducendo di non sentirsi supportato dalla società. Qualcuno dirà che era nell’aria, dopo le campagne acquisti fallimentari d’estate e d’inverno, che in dote avevano portato solo Tello e poco più: gli avevano tolto Savic (e lui aveva commentato laconicamente con un: “decide la società”), gli avevano promesso rinforzi a gennaio ma erano arrivati, oltre all’ex Barca, Zarate (rendimento a tratti), Tino Costa e Konè (impalpabili) e Benalouane (infortunato). Il portoghese in cuor suo sperava in qualcosa di meglio quest’estate, ma non si è visto granchè, salvo la solita serie di giocatori, la maggior parte misconosciuti. Da fonti attendibili pare che il motivo che abbia portato al tentativo di dimissioni sia dovuto alla questione Jovetic, frenata dall’ingaggio lauto del giocatore. Nel frattempo andrà al Chelsea Marcos Alonso, Mati è conteso tra Atalanta, Cagliari e Milan e Rossi (mai amato da Sousa, ma qui aveva ragione lui), è stato ceduto al Celta Vigo. Proprio vero: a Firenze non ci si annoia mai. Come eventuale sostituto si parla dell’ex difensore Stefano Pioli, che la stagione scorsa allenò la Lazio.

Leggi anche:  Fiorentina, a gennaio all-in su Caicedo per Prandelli

 

  •   
  •  
  •  
  •