Rosina è ufficialmente un nuovo giocatore della Salernitana

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui

 

SONY DSC

Alessandro Rosina è a tutti gli effetti un nuovo giocatore della Salernitana. L’ufficialità è arrivata con un comunicato sul sito ufficiale della squadra granata:
“U.S. Salernitana 1919 comunica di aver raggiunto l’accordo con il centrocampista classe ’84 Alessandro Rosina, assicurandosi le prestazioni del calciatore fino alla stagione 2020”.

L’operazione che ha permesso il passaggio del giocatore dal Catania alla Salernitana è durata più di un mese e si è conclusa solo ieri nel tardo pomeriggio, con la consegna della buonuscita al giocatore e la ratifica della risoluzione contrattuale con la squadra siciliana.
“Sono felicissimo di poter indossare finalmente la maglia della Salernitana- ha dichiarato Rosina-.Tempi tecnici non hanno reso possibile il mio arrivo a Salerno prima ma ora non vedo l’ora di mettermi a disposizione di mister Sannino in una piazza che ha grande fame di calcio come Salerno. Ringrazio la Proprietà, Claudio Lotito e Marco Mezzaroma, per aver creduto in me e di avermi aspettato nonostante l’accordo fosse stato già raggiunto da tempo. Ho scelto la Salernitana più di un mese fa e ora sono concentrato esclusivamente per dare il massimo per questi colori”.
Alessandro Rosina, classe ’84, esordì in serie A a diciannove anni con la maglia del Parma, disputando anche gare in Coppa Italia e Coppa Uefa. A lanciarlo nel mondo del calcio furono Baldini a Parma e Ficcadenti a Verona, ma soprattutto con Gianni Di Biase che lo fece ingaggiare tra le fila del Torino nella stagione 2005/2006. Le ventidue reti realizzate con la maglia del torino non lasciarono indifferente Luciano Spalletti che lo volle allo Zenit di San Pietroburgo. In Russia Rosina resta per ben quattro anni, ad eccezione di una breve parentesi al Siena. Poi il definitivo ritorno in Italia, con le maglie del Siena, del Catania e del Bari, dove dimostra di essere un giocatore in grado di fare la differenza e determinare le sorti di un match.
Per quanto riguarda le doti tecniche, Rosina è principalmente un attaccante dalle forti doti offensive: gioca con il baricentro basso, è bravo nell’uno contro uno, è rapido e imprevedibile e il suo mancino è raro che non centri la porta avversaria, sia nelle azioni che sui calci piazzati.
Rosina è capace di giocare in tutti i moduli previsti dalla tradizione strategica italiana: l’ex giocatore dello Zenit può operare da trequartista con le tattiche 4-3-1-2; 4-4-1-1; 3-4-1-2; 3-4-2-1; oppure da seconda punta con i moduli 4-4-2; 3-5-2 o ancora può essere schierato da esterno in un tridente offensivo con il 4-3-3 o il 3-4-3. Ovviamente per giocare molti di questi moduli tattici, Rosina avrebbe bisogno di avere alle spalle una squadra funzionale alle sue notevoli qualità tecniche, in grado di sopportare una determinata qualità atletica anche in fase di non possesso palla.
Spetterà quindi solo a mister Sannino collocare Alessandro Rosina in una posizione tale da poter far male nella trequarti della squadra avversaria senza però dare problemi agli altri dieci calciatori occupati a mantenere saldi gli equilibri difensivi della Salernitana.
In attesa di gustare gli assist per Coda e Donnarumma, facciamo i nostri migliori auguri a Rosina, Sannino e a tutta la Salernitana.

  •   
  •  
  •  
  •