Il nuovo Milan comincia a delinearsi: il sogno è Verratti

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

marco-verratti-psg_18pvx41ajxjus1m59t14vi2r8r Foto da www.goal.com

Il nuovo Milan cinese comincia a delinearsi. La puntualità con la quale la cordata rappresentata da Li Yonghong ha provveduto a versare a Fininvest la somma di 85 milioni di euro concordata e la confermata disponibilità di 350 milioni di euro in tre anni per rafforzare l’organico permettono di guardare al futuro con riacquistato ottimismo.
I tifosi rossoneri sognano un mercato stellare già nella sessione invernale di gennaio, nella certezza che in estate si provvederà a perfezionare l’organico.
Il ricorso al “voluntary agreement”, letteralmente “accordo volontario”, che la cordata cinese sembrerebbe sul punto di chiedere all’Uefa, potrebbe consentire alla società di risanare i conti in un periodo prefissato, senza pagare alcuna sanzione e avendo anche la possibilità di operare in extra-deficit rispetto agli ultimi parametri europei. Senza dubbio una importante opportunità che consentirebbe con limitate contropartite di effettuare degli investimenti fondamentali.

Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

I rinforzi nel mirino di Montella

L’ottimismo riguardo al futuro ha già prodotto dei nomi di possibili rinforzi per la squadra di Vincenzino Montella. Per il gioco che l’ex “Aeroplanino” predilige fatto di buona tecnica e velocità, potrebbe essere preziosissimo l’apporto dell’inglese Harry Kane, l’attaccante 23enne del Tottenham. Potente fisicamente e combattivo, riesce bene sia come prima punta sia come seconda punta. Forte di testa, bravo nel dettare il lancio e veloce nella corsa, potrebbe costituire assieme al ritrovato Carlos Bacca una coppia da 50 gol a stagione. La sua valutazione, dopo l’ottimo campionato nella Premier League, nel quale ha vinto la classifica dei cannonieri con 25 gol, è salita di parecchio, ma viste l’età e le enormi potenzialità potrebbe essere un investimento da tentare.
L’altro giocatore nei sogni di Montella è Marco Verratti, il centrocampista abruzzese, anche lui ventitreenne, in forza al Paris Saint Germain. Verratti darebbe ordine e qualità al centrocampo rossonero, oggi privo di una mente capace di governare il gioco. Sarà sicuramente difficile strapparlo ai francesi, ma la sua voglia di rientrare in patria potrebbe essere determinante.

Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"

Montella deve fare i conti con la realtà

Ben diversa è invece la situazione che in questi giorni deve affrontare l’allenatore rossonero, costretto a rinunciare a diversi elementi della rosa fermi per infortunio. Anche Mati Fernandez, dopo Zapata, Bertolacci e Poli, dovrà stare fuori per qualche settimana per l’infortunio muscolare che ha subìto durante la partita con la propria Nazionale. Considerate le squalifiche di Kucka e Niang, il tecnico farà fatica a formulare lo schieramento che dovrà scendere in campo domenica contro l’Udinese al Meazza.

Paolo Maldini si tira fuori

Paolo Maldini non farà parte del nuovo Milan. Nelle dichiarazioni rilasciate a Sky Sport 24 e riportate dalla stampa, l’ex capitano rossonero non lascia spazio ad alcun incarico in Casa Milan. Queste le sue parole: “Mi sono fatto la mia vita, col Milan ora non c’è niente, sono anche stanco di ripetere questa storia. Ma il Milan rimarrà sempre un grandissimo amore, non solo mio, ma anche da parte di tutta la mia famiglia. E‘ un dovere per chi acquista e viene da un paese straniero andare a vedere la storia del club che sta comprando. Il presidente di un club non può considerarlo suo perché il club è dei milioni di tifosi che ha nel mondo, ci deve essere rispetto verso questi tifosi e tenere in considerazione il loro pensiero”.

  •   
  •  
  •  
  •