Manchester City, Fifa indaga su trasferimento dell’argentino Garrè. Rischio blocco del mercato?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

guardiola-manchester-city-pep_3408830Un altro top club europeo trema per le possibili conseguenze di un trasferimento, che stando alla ricostruzione fatta da alcuni media, non sarebbe stato del tutto irregolare. Così dopo i casi che hanno investito Barcellona, Atletico Madrid e Real Madrid a finire sotto la lente di ingrandimento della FIFA è stato il Manchester City di Pep Guardiola. Al centro della vicenda vi  il trasferimento di Benjamin Garrè,  talento argentino all’epoca dei fatti 15enne di proprietà del Velez Sarsfield.  Secondo quanto riportato dall’Indipendent  la Fifa starebbe indagando sul trasferimento “irregolare” del giovane,  alla cui famiglia il club inglese avrebbe dato dei soldi prima che le norme lo consentissero.  Era stato proprio il club argentino nel giugno scorso a “denunciare” possibili irregolarità nel comportamento del City nell’ambito del trasferimento del giocatore ed aveva esposto la propria posizione in una lettera inviata al presidente del Manchester City Khaldoon Al Mubarak. Adesso, secondo l’Indipendent, la Fifa avrebbe aperto un’inchiesta proprio per accertare queste presunte irregolarità legate al tesseramento di calciatori minorenni. Sulla vicenda il presidente del Velez Sarsfield, Raul Gamez , ha parlato di “comportamento assolutamente immorale da parte della società inglese”.
Se le accuse fossero dimostrate, i Citizens rischierebbero il blocco del mercato. Infatti l’articolo violato sarebbe il n.19 nel regolamento Fifa sui trasferimenti dei calciatori e se l’illecito venisse confermato dalla commissione disciplinare della Fifa, il City rischia una sanzione simile a quella inflitta al Barcellona con il blocco totale del mercato in entrata per due sessioni.
Qualche mese fa il City fu protagonista di una vicenda molto simile relativa al trasferimento del maltese Myles Beerman. Il giocatore, 17 anni, è stato  tesserato ufficialmente dai Citizens a giugno 2014, quando aveva già compiuto 15 anni, quindi nei termini (con deroga). Ma la Disciplinare della Fifa sospettava  che il ragazzo di fatto si sia trasferito in Inghilterra già un paio di stagioni prima, quando di anni ne aveva 13 e non poteva muoversi dal Floriana Fc, il club per cui era tesserato, per nessun motivo. Per questo caso ( il giocatore, intanto, si è trasferito in Scozia, nei Rangers)  sono ancora in corso gli accertamenti da parte della FIFA.

  •   
  •  
  •  
  •