Fiorentina, nei 27 milioni per Alonso c’è anche il risarcimento di Salah

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa Segui

marcos-alonso-fiorentina-milan_ktfwhnjeuzyo1l8oo9x224dyaFiorentina, nei 27 milioni per Alonso c’è anche il risarcimento di Salah

La Fiorentina ha ceduto in estate il suo terzino sinistro Marcos Alonso al Chelsea per una cifra vicina ai 27 milioni di euro (26,7 per l’esattezza).
La trattativa ha subito destato qualche perplessità ai tifosi viola, ed anche agli stessi tifosi del Chelsea.

Come può un calciatore come Marcos Alonso che, seppur discreto, essere venduto/acquistato per una simile somma?Dall’ambiente viola la cifra è parsa subito irrinunciabile e da cogliere al volo, mentre da Londra hanno fatto sapere che il neo tecnico italiano Antonio Conte stima parecchio l’esterno spagnolo.

Il motivo per il quale lo spagnolo è stato pagato così tanto è quasi sicuramente da rinvenire nel caso Salah.

Riepiloghiamo la vicenda in sintesi:

Gennaio 2015: la Fiorentina cede Cuadrado al Chelsea per circa 30 milioni + il prestito di Mohamed Salah. Nel contratto tra la Fiorentina e l’egiziano sono presenti particolari clausole, tra le quali il pagamento della squadra viola al Chelsea di 1 milione di euro per rinnovare il prestito per il successivo anno, ed anche un diritto di riscatto fissato a 18 milioni in caso di acquisto.
Salah e il suo procuratore vollero inserire una carta privata nel quale a giugno 2015 il calciatore poteva scegliere se rimanere a Firenze oppure no.

Leggi anche:  Striscione tifosi Fiorentina sotto la Fiesole: "Ora basta! Avete rotto, rispetto per la maglia" (FOTO)

Giugno 2015: Salah decide di non rimanere alla Fiorentina perché ha già l’accordo con la Roma, mentre la Fiorentina paga 1 milione al Chelsea per tenerlo a Firenze un altro anno. Il giocatore non si presenta in ritiro e scoppia la battaglia legale.

Luglio 2015: Salah diventa ufficialmente un calciatore della Roma, in prestito con obbligo di riscatto fissato intorno a 20 milioni. La Fiorentina vede sfumare l’egiziano e decide di ricorrere per vie legali contro il Chelsea per ricevere un adeguato risarcimento.

Giugno 2016: la FIFA ha rigettato l’istanza di risarcimento della Fiorentina, con i Viola che si dissero pronti a presentare ricorso al Tas.

Da quel giorno nessuno seppe più nulla.
Ecco quindi che appare inevitabile una svolta all’interno delle trattative tra Fiorentina e Chelsea.

Se infatti Salah non c’entrasse nulla con la cessione di Alonso, perché mai la Fiorentina avrebbe voluto vendere uno dei suoi migliori calciatori proprio al Chelsea? Per i tanti soldi?
Non crediamo a questa ipotesi perché la famiglia Della Valle è molto orgogliosa e ha sempre dimostrato che i soldi vengono dopo.

Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei

Perchè mai quindi la Fiorentina, dopo la battaglia legale contro il Chelsea, avrebbe condotto una trattativa con la squadra londinese?

Soprattutto: perché mai la vicenda si è affievolita lentamente e da mesi non se ne parla più, sebbene la Fiorentina avesse presentato il ricorso al Tas?

Ripercorrendo la presidenza dei Della Valle a Firenze infatti, ci accorgiamo che mai i patron marchigiani hanno stretto accordi con società nemiche politicamente a loro (Roma, Inter, Milan e Juventus), figuriamoci se stringevano accordi con il Chelsea…

La cosa più logica ci sembra quindi che i due club abbiano stretto questo accordo tra “gentiluomini”, con il Chelsea che ha versato assieme ai soldi pattuiti per Alonso, anche un risarcimento per il caso Salah (si pensa a 4/5 milioni) per non portare avanti una battaglia legale che non fa comodo a nessuno.

Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio

Dunque la cessione di Alonso ha portato nelle casse viola circa 20 milioni (cifra decisamente più congrua e adeguata al calciatore) + il risarcimento per il caso Salah.

In questo modo tutti felici e contenti, con il povero Salah, che alla fine, non verrà rimpianto da nessuna delle due squadre…

  •   
  •  
  •  
  •