Kroos Real Madrid: Rinnovo fino al 2022. “Voglio chiudere la carriera qui”

Pubblicato il autore: Saverio Crea Segui

kroos real madrid
Kroos Real Madrid: Rinnovo fino al 2022

Toni Kroos ha firmato il rinnovo del contratto col Real Madrid. Il calciatore tedesco, giocherà con le Merengues fino al 2022, guadagnerà la cifra record di 20 milioni di euro a stagione. Kroos, non nasconde la sua grande felicità per questo importante passo per la sua carriera. “Per me e’ un giorno speciale, un contratto come questo capita una o due volte nella vita. Sono contento di essere in questa squadra, la migliore e la piu’ importante al mondo, e sono felice di poter giocare ancora qui. Ho vissuto due anni stupendi e spero che ne arrivino molti altri. Venire qui e’ stata la scelta giusta“. Non sono mancate, nemmeno nella scorsa sessione di mercato, le voci riguardo un suo cambio di casacca ma “come giocatori non possiamo fare molto contro le voci di mercato, per questo non ho commentato nulla. So pero’ di essere felice al Real sin dal primo giorno e non pensavo ad altro che a proseguire la mia carriera qui.

Kroos Real Madrid: “Voglio chiudere la carriera qui”

Kroos sembra vedersi con la maglia madridista per lungo tempo. “La mia idea, anzi, e’ chiudere la carriera al Real e la durata di questo rinnovo non e’ casuale: quando scadra’ il contratto avro’ 32 anni e sarebbe magnifico chiuderla li’. Ho iniziato a giocare da giovanissimo, a 17 anni ero in prima squadra e da nove stagioni gioco a livelli altissimi. La mia intenzione e’ proseguire su questa strada per i 6 anni che mi restano e ritirarmi ancora al top”. Manca ancora qualche altro trofeo da alzare in cielo e tra questi, prima di tutto è lecito aspettarsi il Campionato SpagnoloVoglio vincere ora la Liga, una sfida importante. Al Real Madrid bisogna vincere tutto ma abbiamo vinto due volte la Champions negli ultimi anni e ora desideriamo il campionato. La strada e’ lunga, alle volte ci e’ mancata la continuità, ma stavolta vogliamo farcela”. Secondo Kroos, i risultati arriveranno e non va’ data la colpa al tecnico Zinedine Zidane per l’andamento altalenante della stagione. “Non so che critiche possano fare a Zidane, lui e’ molto importante per il Real. Abbiamo fatto alcuni pareggi ma se e’ vero che a volte non abbiamo giocato bene e le critiche erano giuste, in altre gare che abbiamo pareggiato avremmo meritato la vittoria. La cosa importante e’ continuare a giocare da squadra”.
Kroos era approdato nel club di Florentino Perez nel 2014, pochi giorni dopo aver vinto il Mondiale con la sua Germania. Cresciuto nelle giovanili del Bayern Monaco, aveva giocato con i Bavaresi dal 2007 al 2014, tranne una breve parentesi al Leverkusen. Con questo nuovo ingaggio,  diventa il calciatore tedesco più pagato al mondo. Niente male per un classe 1990 che in fondo, ha già vinto tutto. 2 Champions League con Bayern e Real, 3 Supercoppe europee, 2 Mondiali per club e svariati titoli nazionali in Germania. Con la sua Nazionale, oltre al già citato Mondiale 2014 in Brasile, ha conquistato il terzo posto agli Europei 2012 in Polonia-Ucraina e 2016 in Francia così come al Mondiale 2010 in Sudafrica.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Torreira Torino, Vagnati tenta un nuovo assalto all'uruguagio: l'Atletico Madrid può lasciarlo andare