Milan: Mirabelli DS e tanti movimenti di calciomercato. Turbano i tifosi le parole di Donnarumma

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

Donnarumma-770x470 Foto da ivm.ilcalciomagazine.it

Mentre i dubbi e le perplessità frenano Paolo Maldini nell’accettare il mandato di Direttore Tecnico, arriva l’ufficializzazione da parte di Sino Europe Sports del conferimento dell’incarico di Direttore Sportivo a Massimiliano Mirabelli. L’ex capo degli osservatori dell’Inter, ai cui suggerimenti si devono gli acquisti di Jeison Murillo, Ivan Perisic, Marcelo Brozovic e Gabigol, sarà operativo a partire dalla data del closing ormai prossimo previsto entro novembre. Con l’ingaggio di Mirabelli continua la ristrutturazione della società, che vede come prossimo obiettivo una bandiera del vecchio e glorioso Milan di Berlusconi in Via Aldo Rossi, per chiudere il triangolo che dovrà gestire in toto gli affari dell’area tecnica. Mentre sono in corso gli ultimi tentativi per convincere l’ex capitano Paolo Maldini, dietro l’angolo c’è la soluzione Massimo Ambrosini, che sembrerebbe pronto ad iniziare l’avventura a fianco di Fassone e Mirabelli.

Leggi anche:  Fiorentina, a gennaio all-in su Caicedo per Prandelli

Milan: le strategie della cordata cinese

L’ingresso di Mirabelli in Casa Milan sembra obbedire ad una precisa strategia che la cordata cinese intende sviluppare: potenziare la rete di osservatori in tutti i maggiori campionati, con un occhio particolare verso il Sud America senza però trascurare i tornei minori italiani. Si vorrebbe creare una organizzazione di talent scout capace di scovare e segnalare i talenti emergenti in ogni parte del mondo. La linea verde intrapresa negli ultimi anni, che sta dando ottimi frutti con Gigio Donnarumma, Manuel Locatelli e Davide Calabria, potrebbe essere la mossa vincente per tornare ad essere protagonisti e cominciare un ciclo che al Milan manca dai tempi di Sacchi e del trio olandese Gullit, Rijkaard e Van Basten. La consapevolezza di quanto possa essere importante e vincente l’entusiasmo dei giovani dà forza al progetto e stimola la fantasia dei tifosi.

Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"

Milan: gli obiettivi di mercato

Assieme al nuovo assetto dirigenziale, si lavora anche alla costruzione della squadra del futuro, cercando i nuovi talenti da far crescere a fianco di giocatori di grande esperienza già maturati e dal rendimento garantito. In quest’ottica il calciomercato Milan non si è mai fermato. In attesa delle risorse che dovrebbero finalmente consentire di operare senza i lacci dell’ultima campagna estiva, si vanno delineando gli obiettivi sui quali concentrarsi alla riapertura del mercato.
La società rossonera sembra fortemente determinata a strappare alla Fiorentina il centrocampista croato Milan Badelj, graditissimo a Vincenzino Montella, che apprezza le sue caratteristiche che gli permettono di ricoprire qualunque ruolo nella metà campo, dal regista al trequartista al mediano.
Oltre a Badelj, nel mirino ci sarebbe anche un altro croato, Marcelo Brozovic, che non sembra entrato nelle grazie Di Frank De Boer, che non lo ha convocato ormai da cinque partite, e sarebbe in procinto di lasciare l’Inter. Per avere Brozovic il Milan dovrà vincere la concorrenza della Juventus e non sarà sicuramente facile avere la meglio con i bianconeri.
E ci potrebbe essere un ritorno di fiamma per il gabonese del Borussia Dortmund Pierre-Emerick Aubameyang, attaccante con un passato nelle giovanili del Milan che tanto bene sta facendo nella Bundesliga.
Tra i possibili partenti figurano Lapadula, che ha avuto pochissimo spazio per la mancata cessione di Bacca, e Montolivo, che Cesare Prandelli sarebbe felice di portare al Valencia.
E mentre questi possibili addii non turbano i tifosi rossoneri, le persistenti voci sul trasferimento di Donnarumma alla Juventus evocano scenari drammatici, ai quali le parole rilasciate dal giovanissimo portiere a RaiSport “Ora penso al Milan, poi si vedrà…” non pongono fine.

  •   
  •  
  •  
  •