Milan, col boom di Lapadula c’è un Luiz Adriano di troppo. Cessione vicina?

Pubblicato il autore: Andrea Bellini Segui

Milan

Sono cambiate molte cose nelle ultime ore in casa Milan: a scombinare la routine rossonera ci ha pensato Gianluca Lapadula, che ha risolto la sfida contro il Palermo che si è disputata domenica pomeriggio alla Stadio Barbera di Palermo contro i rosanero. L’impiego dell’ex bomber del Pescara è stato invocato a gran voce nelle ultime settimane dai sostenitori dei rossoneri, complice un periodo di appannamento di quella che sarebbe la punta titolare della squadra di Montella, ovvero Carlos Bacca, a secco da cinque partite di fila, come mai era successo in tutta la carriera per il colombiano; dall’altra parte, i tifosi vedevano in Lapadula, nei pochi minuti di gioco che gli erano stati concessi fino a domenica, un giocatore che può avere dei limiti tecnici, specie se paragonato ad altri attaccanti ben più blasonati, ma che lotta come un forsennato su ogni pallone, mettendo in difficoltà le difese avversarie con il suo pressing. Insomma, si può ormai parlare di una corsa a due nella lotta per la maglia da titolare, a partire dal derby di domenica 20 novembre, la prima dopo il rientro a seguito degli impegni della Nazionale, che vede, sempre in ottica Milan, ben 6 giocatori convocati da Ventura. Una lotta a due che per forza di cose va ad escludere la terza punta a disposizione di Vincenzo Montella: parliamo, ovviamente, di Luiz Adriano.

Leggi anche:  Dove vedere Milan Celtic, live streaming e diretta tv Europa League

Milan, Luiz Adriano sembra non rientrare più nei piani di Montella: cessione in vista?

Il brasiliano, infatti, ha collezionato cinque presenze arrivando ad appena 84 minuti totali: veramente troppo poco. Per questo in casa Milan si sta prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di cederlo, magari già a gennaio. Un’ipotesi tra l’altro non nuova: ricordiamo tutti infatti la vicenda dello scorso anno, quando il brasiliano era volato in Cina per firmare con lo Jiangsu Suning, salvo poi tornare in Italia; stessa situazione quest’estate, quando si parlava di un Luiz Adriano con la valigia costantemente in mano, pronto ad accasarsi alla corte del miglior offerente. Ecco, questa volta sembra probabile un addio definitivo, per un giocatore che non sembra rientrare tra le simpatie di Montella e nemmeno tra quelle dei tifosi, sebbene il brasiliano abbia sembra dimostrato grande serietà e professionalità. Tra le possibili destinazioni, si era parlato nelle ultime ore di CSKA Mosca, ma il giocatore sembra aver scartato subito l’opzione russa; ecco allora che viene riportato l’interesse, o presunto tale, di alcuni club della Bundesliga, campionato sicuramente più importante e per questo più appetibile: si parla di squadre come Bayer Leverkusen e Wolfsburg, ma è chiaro che al momento non ci sono trattative in corso, come è altrettanto chiaro che nessuna pista è da escludere. Occhio poi ai campionati “minori” (o, se preferite, “emergenti”) come possono essere quello arabo e, perché no, quello cinese, nonostante il trascorso non molto felice riportato sopra. Sembra chiaro, infine, il vantaggio economico che il Milan trarrebbe da questa operazione: l’ingaggio percepito dal brasiliano è, infatti, di circa 3 milioni, troppi per un giocatore che non riesce ad inserirsi appieno nei meccanismi del gioco di Montella, per cui sembra evidente come qualsiasi offerta che si aggiri quantomeno sui 6 milioni di euro verrà presa seriamente in considerazione.

  •   
  •  
  •  
  •