Real Madrid: Özil e Di María pensano al clamoroso ritorno

Pubblicato il autore: Mirko Tursi

Real Madrid: Özil e Di Maria pensano al clamoroso ritorno

RITORNI – Di ritorni nella storia del calcio ce ne sono stati davvero tanti. Giocatori che, delusi dalle nuove esperienze, hanno deciso di far ritorno alla base per rilanciarsi, come accadde ad esempio ad Andriy Shevchenko che nel 2008 dopo la negativa esperienza londinese col Chelsea tornò al Milan, senza però ottenere grandi risultati. Oppure giocatori, come spesso avviene con quelli sudamericani, che, a fine carriera, decidono di chiudere l’attività calcistica in patria, tra gli ultimi Diego Milito, tornato al Racing Avellaneda dopo aver vinto tutto con l’Inter del triplete. Siamo ormai a fine Novembre ed ecco che la parola “calciomercato” comincia a palesarsi pian piano (ma neanche troppo) sulle prime pagine dei maggiori quotidiani sportivi. In particolare dalla Spagna, più precisamente dalla redazione di “Marca”, giornale famoso per l’assegnazione del premio Pichichi (al miglior marcatore del campionato spagnolo) e Zamora (al miglior portiere), è giunta stamattina una notizia che potrebbe scuotere il mondo merengue e non solo: il clamoroso ritorno al Real Madrid di due top players che forse troppo presto ed in modo troppo brusco avevano lasciato la capitale spagnola, Mesut Özil e Ángel Di María.

ÖZIL – Il tedesco, che in Inghilterra sta vivendo forse la miglior stagione da quando è all’Arsenal, con 7 gol (di cui ben 4 in Champions League) in 14 presenze è ad un passo dal suo record dell’anno scorso di 8 gol totali in stagione. Il giocatore arrivò alla corte di Arsene Wenger nell’estate del 2013, per la cifra di 52 milioni di euro, venendo da subito osannato dai media e dai tifosi dei Gunners. Da quel momento Özil non ha però sorpreso, ma anzi ha giocato molto al di sotto di quelle che sono le sue capacità, soprattutto a livello di assist, come quando nel Real manteneva il confronto con tutto il centrocampo del Barcellona. Al momento il giocatore starebbe ridiscutendo e negoziando i dettagli del suo contratto che lo lega fino al 2018 all’Arsenal, in modo da allungare appunto l’attuale contratto, ma il tedesco non sarebbe convinto di voler continuare l’avventura a Londra. Su di lui si sarebbe così mosso già il Manchester United di José Mourinho, allenatore col quale Özil giocò proprio nelle tre stagioni passate a Madrid. Eppure il desiderio dell’ex Werder Brema sembrerebbe essere proprio quello di tornare tra i blancos, pronto a ricominciare una storia finita bruscamente in quell’ultimo giorno di mercato che lo portò all’ombra del Big Ben. Schieratosi per il ritorno di Özil ci sarebbe anche il capitano delle merengues, Sergio Ramos, da sempre estimatore del trequartista tedesco che già in un paio di occasioni si era esposto pubblicamente per lui.

DI MARÍA – La situazione di Ángel Di María sembrerebbe invece più difficile, anche se il punto di partenza è esattamente lo stesso di Özil. L’argentino, che nell’estate del 2014 si trasferì al Manchester United, facendo registrare a Madrid, sponda blancos, la cifra più alta per una cessione, avendo incassato 75 milioni di euro che sarebbero stati poi investiti nell’acquisto di James Rodríguez. Di María però all’Old Trafford venne inserito in un processo di rinnovamento che non ne esaltò mai le caratteristiche, tanto che Van Gaal lo provò anche nell’insolita posizione di mezzala. Così, dopo solo un anno, El Fideo si trasferì al Paris Saint-Germain, collezionando alla sua prima stagione ben 15 gol, ma non riuscendo mai a far sbocciare l’amore col pubblico del Parco dei Principi. Conseguenza di ciò il suo pensiero sempre più ricorrente per un ritorno al Real, lì dove aveva giocato proprio insieme ad Özil e dove aveva lasciato, con la sua partenza, l’amaro in bocca ai tanti tifosi. La difficoltà di un suo eventuale ritorno sta però nelle dure parole che il padre usò subito dopo la sua cessione.

SOLO RUMORS? – Il mercato apre a Gennaio, anche se le possibilità di vedere trasferimenti di questa portata sono davvero poche e sarebbe meglio aspettare almeno fino a Giugno per poterne riparlare. Che siano solo rumors, come da sempre avviene nel calciomercato, è sicuramente una possibilità, ma la sensazione è che qualche contatto tra Madrid, Londra e Parigi ci sia davvero stato.

  •   
  •  
  •  
  •