Riscatto Zaza, il West Ham pronto a “rispedire” l’attaccante a Torino. Juve, in fumo 20 milioni?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Zaza al Napoli, trattative in corso

Riscatto Zaza, West Ham anticipa l’addio del giocatore?

 

Potrebbe andare in fumo il riscatto di Simone Zaza da parte del West Ham. Dopo un inizio di stagione molto negativo l’attaccante italiano potrebbe non rientrare più nei piani degli Hammers che per evitare di versare i 20 milioni di euro alla Juventus, obbligatori alla 14esima presenza stagionale di Zaza, avrebbero deciso di interrompere già a gennaio il prestito dell’attaccante. A riportare la notizia è stato l’inglese Times. Riscatto Zaza, il giocatore verso il ritorno a Torino –  La scelta della società londinese sarebbe dettata dal negativo impatto che il giocatore italiano ha avuto con il calcio inglese che non è riuscito fino ad ora a dimostrare quelle qualità che la scorsa estate avevano spinto la dirigenza degli Hammers a puntare con decisione sull’attaccante della Juventus. Invece, una volta arrivato a Londra, Zaza in nove presenze stagionali non ha realizzato neanche un gol e finendo sempre al centro delle critiche dei tifosi del West Ham. Secondo quanto riportato dal Times, quindi, il West Ham avrebbe deciso di fare a meno dell’attaccante italiano e di rispedirlo alla Juventus prima del raggiungimento delle 14 presenze che farebbero scattare l’obbligo da parte dei londinesi di pagare alla Juventus i 20 milioni pattuiti per il riscatto del giocatore. Si tratterebbe di un colpo basso per la Juventus che dovrebbe trovare un’altra sistemazione per l’attaccante sul quale c’è l’interesse del Napoli, alla ricerca di un sostituto dell’infortunato Milik. Mentre il West Ham con i soldi risparmiati potrebbe tuffarsi su un altro grande obiettivo della scorsa estate : Carlos Bacca. Il milanista, è infatti, ancora nei “pensieri” degli Hammers che potrebbero tornare alla carica con il Milan già a gennaio.

Leggi anche:  Juventus, Dybala sta meglio: società al lavoro per il rinnovo
  •   
  •  
  •  
  •