Milan closing rinviato e mercato in dubbio. Berlusconi e Sino-Europe Sports su due frequenze diverse?

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Milan closing rinviato al 3 marzo ma c’è un mercato da fare per poter continuare a sperare nel sogno Champions League…

Berlusconi SES

Milan closing rinviato e un mercato che potrebbe risentirne

Milan closing rinviato al 3 marzo 2017, dunque nulla di compromesso per quella che è sicuramente una delle trattative di cessione societaria più complessa della storia del calcio, tuttavia il mercato invernale incombe i Vincenzo Montella vorrebbe poter avere i giusti rinforzi per continuare a volare alto con i suoi ragazzi che stanno disputando un campionato straordinario e inaspettato per molti.
La classifica al momento dice secondo posto in coabitazione con la Roma ma la rosa ha lacune che andrebbero colmate non tanto numericamente quanto qualitativamente perché la coperta è corta e il turn over non riesce a tenere il passo di quello che sulla carta è l’11 titolare, tuttavia proprio a causa del rinvio del closing il calciomercato di gennaio è una vera e propria incognita.

Leggi anche:  Calciomercato Torino, possibile addio per un altro top player: il calciatore ha aperto all'addio!

Ultime Milan closing rinviato, mercato condiviso di difficile gestione

Con il rinvio del closing il vero problema resta il calciomercato invernale perché senza i fondi necessari è difficile vedere da subito acquisti dal grosso calibro come Musacchio o Cesc Fabregas, piuttosto è più semplice vedere un mercato ricco di idee ma avaro di disponibilità economiche proprio come quello visto in estate quando Adriano Galliani è stato praticamente sempre in viaggio a trattare giocatori impossibili da prendere se non a fronte della cessione di Bacca, l’unico in grado di portare liquidi importanti nelle casse societarie.
A questo va aggiunto un altro dilemma importante perché la condivisione delle trattative tra Berlusconi e la Sino-Europe Sports non sembra viaggiare sugli stessi binari e, come riportato da Il Corriere della Sera, da una parte c’è proprio l’attuale patron che vorrebbe solo giovani ed italiani dall’altra invece la cordata cinese vorrebbe poter portare da subito qualche grande stella capace non solo di infiammare le platee ma anche di migliorare e non di poco la qualità della rosa a disposizione di Montella.

Leggi anche:  Allegri vuole Locatelli. Il Milan contatta United e Real per due giocatori

Novità Milan closing rinviato, Berlusconi e SES in disguido anche su Bacca

Quando a discutere sono sia i proprietari che sono in procinto di lasciare che quelli che stanno per arrivare, per ovvi motivi si possono avere divergenze di pensiero e, a quanto pare, Berlusconi e la Sino-Europe Sports non hanno solo due vedute differenti sul mercato invernale in entrata perché, stando a voci di corridoio, l’altro rebus è legato a Carlos Bacca che il duo Berlusconi-Galliani sarebbe disposto a sacrificare per monetizzare e reinvestire sul mercato mentre la cordata cinese vede nel centravanti colombiano il giocatore più forte e conosciuto in Oriente e per questo per nulla incline ad una sua cessione, nonostante il forte pressing da parte di Psg, Arsenal e Siviglia.
In pratica, con il closing rinviato al 3 marzo il rischio di assistere ad un mercato dal basso profilo e per nulla soddisfacente incombe, nonostante Montella ha dimostrato di riuscire ad ottenere il massimo da chiunque e Pasalic e Lapadula sono il più lampante degli esempi, arrivati in estate e protagonisti in questo scorcio di stagione.

  •   
  •  
  •  
  •