L’anno indimenticabile di Gagliardini

Pubblicato il autore: Bitto Alessandro Segui

IMG_20170104_020814
Roberto Gagliardini. Questo ragazzo classe ’94 di Bergamo ha passato un anno indimenticabile. È, infatti, passato dalle stelle alle stalle. Nella scorsa stagione il centrocampista bergamasco era andato in prestito al Vicenza,ma raccoglie solo poche presenze tant’è che il club biancorosso a gennaio 2016 preferisce rimandarlo a casa. A Bergamo passa sei mesi da comparsa. Poi, ecco Gasperini. L’allenatore ex Genoa ad ottobre si ritrova ad un passo dall’esonero e così si affida a due giovani del vivaio nerazzurro, Mattia Caldara e, appunto, Roberto Gagliardini. I due stupiscono rispettivamente in difesa e a centrocampo. Gagliardini passa così da brutto anatroccolo a bellissimo cigno. Il centrocampista si toglie anche lo sfizio della convocazione in nazionale maggiore. Il c.t. Ventura, infatti, rimane affascinato dalle qualità del ragazzo, abile sia nel recuperare il pallone che in fase di costruzione. Finita qui la favola? No, perché come ciliegina sulla torta il 31 dicembre comincia una trattativa tra l’Atalanta e l’Inter. I due club si accordano nel giro di pochi giorni per una valutazione totale che oscilla tra i 25 e i 30 milioni di euro, mentre il ragazzo vedrà il suo ingaggio passare da 150 mila euro a 1 milione e mezzo. Da gennaio a gennaio Gagliardini cambia squadra, ma non colori. Nel 2016 il nerazzurro gli ha portato bene, nel 2017 chissà…

Leggi anche:  Colpo del Manchester United, in arrivo un difensore dal Real Madrid
  •   
  •  
  •  
  •