Deulofeu: “Non posso restare per sempre legato al Barcellona”. Keita primo obiettivo del nuovo Milan

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
deulofeu

Deulofeu. è subito amore con il Milan

Deulofeu ha le idee chiare, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, il giovane talento spagnolo parla delle sue prime settimane al Milan e del suo futuro. Deulofeu ha aperto alla possibilità di giocare da centravanti:” Falso nueve? Mi piace come ruolo, ma decide Montella, con lui mi trovo molto bene”. E’ stato subito feeling tra il talento ex Barcellona e il tecnico rossonero, che lo aveva ricoperto di elogi al suo arrivo a Milanello. Deulofeu ha parlaato anche del suo club di origine:”. Il diritto di recompra? Sono molto orgoglioso di essere un canterano blaugrana e so bene che c’è questa recompra: ma non posso vivere pensando di essere sempre legato al Barça”Se il rendimento del nuovo numero sette rossonero dovesse restare quello dei primi giorni al Milan, potrebbe essere lui uno dei primi acquisti della nuova società. Deulofeu ha parlato anche delle difficoltà di Carlos Bacca in questo periodo:”“Sta lavorando duro e sono sicuro che troverà il gol: se continua a lavorare il gol arriverà, non ci deve pensare. I giocatori che mi hanno impressionato di più da quando sono al Milan sono Suso e Bonaventura: hanno davvero molta qualità”. Giunto per 750mila euro in prestito dall’Everton Deulofeu è già diventato un punto di riferimento in casa Milan, ora si attende solo il primo gol con la maglia rossonera. Magari già dalla prossima importante partita contro la Lazio all’Olimpico, dove un altro numero 7 biondo segnava sempre, ma Deulofeu-Shevchenko è un ancora un paragone improponibile, per ora.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: quale sarà il futuro di Stefano Sensi?

Deulofeu, il Milan proverà a trattenerlo, Mirabelli lavora per Keita

E’ un Milan concentrato sul presente, ma già proiettato al prossimo futuro, ogni giorno che passa arrivano sempre più certezze sul closing tra Fininvest e Sino Europe Sports. La data fatidica è quella del 1° marzo, da lì in poi il Milan parlerà cinese, ma con una forte anima italiana. Massimiliano Mirabelli, d.s. rossonero in pectore, sta già stringendo i contatti per portare nuovi talenti in rossonero. Il budget di mercato promesso dai cinesi dovrebbe aggirarsi sui 120-150 milioni di euro, grasso che cola rispetto alle vacche magre delle ultime stagioni. Si proverà a trattenere Deulofeu, nel triangolo con Everton e Barcellona, ma per l’attacco serve un esterno e un bomber. Keita è da sempre un pallino di Mirabelli, il senegalese lascerà la Lazio a fine stagione, ma c’è grande concorrenza su di lui. Bacca lascerà Milanello, i tifosi sognano Belotti, ma anche Aubameyang potrebbe essere una buona pista per i rossoneri. Nomi altisonanti, niente a che vedere con i prestiti e i parametri zero delle ultime sessioni di mercato. In mezzo a tanti dubbi, una certezza, Vincenzo Montella,  il nuovo Milan non potrà prescindere dal vero top player dell’attuale rosa rossonera.

  •   
  •  
  •  
  •