Roma, Monchi nuovo d.s.? Sul dirigente del Siviglia c’è anche il Psg

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
roma monchi

Roma Monchi nuovo d.s.?

Dopo il tanto sospirato sì allo stadio in casa Roma si pensa al ruolo di nuovo direttore sportivo giallorosso, il nome è sempre quello di Ramon Roodriguez Verdejo, detto Monchi. 48 anni, nativo di San Fernando Monchi è uno degli artefici del miracolo Siviglia di questi anni. Il dirigente non solo ha contribuito a far vincere tre Europa League consecutive agli andalusi, ma ha scovato e rigenerato tanti giocatori. Battagliare in Spagna con colossi, anche economici, come Real Madrid e Barcellona è un’impresa, il Siviglia grazie anche a Monchi ci riesce. La Roma da tempo ha messo gli occhi sul d.s. spagnolo , che fine stagione lascerà il club andaluso. Per Monchi la dirigenza giallorossa avrebbe già pronta una bozza di contratto per il futuro d.s. Su Monchi c’è però da battere la concorrenza del Psg, dove Monchi potrebbe riabbracciare Unai Emery, per ricostituire la coppia vincente delle ultime stagioni al Siviglia. Se Emery dovesse continuare ad ottenere buoni risultati la dirigenza del Psg potrebbe accontentare il tecnico basco e cercare di portare Monchi all’ombra della Torre Eiffel. La Roma quindi deve cercare di battere sul tempo il Psg, Monchi è l’obiettivo principale dei giallorossi, per colmare il vuoto lasciato da Walter Sabatini. Dopo la fine della telenovela stadio in casa Roma c’è un clima più sereno che permetterà di programmare il futuro con molta più tranquillità. “ Il no allo stadio sarebbe una tragedia”, così aveva avvertito il presidente Pallotta, i sorrisi del d.g. della Roma Baldissoni al fianco della sindaca Virginia Raggi la dicevano lunga sulla soddisfazione giallorossa.

Leggi anche:  Milan, Mandzukic sfida la sorte e sceglie il 9. Spezzerà l'incantesimo?

Roma Monchi per diventare grandi anche in Europa, con lo stadio no a cessioni eccellenti

La Roma punta ad avere un respiro sempre più internazionale, l’arrivo di Monchi come d.s. sarebbe un ulteriore segnale in questa direzione. Con lo sblocco della questione stadio ora l’imperativo per Spalletti è conquistare l’accesso diretto alla Champions League. Per fare ciò i giallorossi non dovranno scendere sotto il secondo posto, per evitare quel playoff già fatale in questa stagione con il Porto. Con gli introiti futuri dello stadio e i proventi dell’accesso alla fase a gironi della Champions League si potrà pensare a blindare i gioielli di Trigoria, Manolas su tutti. Il difensore greco è alle prese con un estenuante rinnovo di contratto, che ora potrà essere gestito con molta più calma da parte giallorossa. Manolas fa gola a tanti grandi club, anche italiani, ma intorno a lui la Roma vorrà costruire la difesa del futuro. Anche Spalletti dovrà affrontare la questione rinnovo, dopo il sì allo stadio il futuro della Roma è già qui, ma oggi è molto più chiaro.

  •   
  •  
  •  
  •