Closing Milan, le mosse di mercato di Li: tornano di moda vecchi obiettivi

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Mirabelli

Closing Milan, Fassone e Mirabelli tornano in scena

Risolta (?….) la questione closing, il Milan inizia a progettare il futuro. La deadline per la chiusura della trattativa sulla cessione societaria dovrebbe arrivare entro il prossimo 14 aprile con Yonghong Li pronto a versare nelle casse della Fininvest i milioni mancanti per l’acquisizione del club rossonero. Subito dopo i nuovi proprietari si metteranno a lavoro per pianificare il futuro della squadra milanese. Tante saranno le grane che dovranno risolvere Li e Marco Fassone, amministratore delegato in pectore del Milan, a cominciare dalla questione rinnovi. Sono diversi, infatti, i giocatori rossoneri che si avvicinano alla scadenza del contratto in essere con la società e la priorità della nuova proprietà sarà proprio quella di trovare soluzioni adeguate. I casi più spinosi sono quelli di Donnarumma e De Sciglio. Il portiere, più volte, è stato dichiarato incedibile dal presidente Silvio Berlusconi ma il Cavaliere, a closing avvenuto, uscirà definitivamente dalla scena rossonera. Toccherà quindi a Lin e Fassone convincere il portiere rossonero a rinnovare il contratto con la società rossonera nonostante le forti pressioni provenienti da tutti i top club europei. Lo stesso agente del giocatore, Mino Raiola, nelle settimane scorse era uscito allo scoperto dichiarando che Donnarumma merita una grande squadra,  facendo sollevare dubbi sul futuro del portiere.

Leggi anche:  Inter, Lautaro Martinez vicino al rinnovo con i nerazzurri: i dettagli

De Sciglio, invece, al momento non avrebbe l’intenzione di rinnovare il suo contratto con il Milan dopo il rifiuto della società di lasciar partire il giocatore la scorsa estate in direzione Juventus.  Anche il terzino rappresenta un patrimonio del club milanese e la sensazione è che si cercherà di convincere De Sciglio a prolungare il contratto con il Milan. Sempre in tema di rinnovi l’attenzione è puntata anche sullo spagnolo Suso che ieri parlando del proprio futuro non ha escluso un ritorno in Spagna. Il giocatore si trova bene al Milan e Li e Fassone metteranno sul piatto un rinnovo da 2,5 milioni di euro fino al 2021. Anche il futuro di Paletta a breve dovrà essere discusso dal Milan. La buona stagione del difensore spingerà Fassone a proporre un prolungamento di un anno.
Chiuso il capitolo rinnovi il nuovo Milan si concentrerà sulle operazioni in entrata in vista del prossimo calciomercato estivo. Con il riconfermato Montella alla guida della squadra il nuovo Milan di Li andrà alla caccia di alcuni giocatori già accostati ai rossoneri nei mesi scorsi. L’attenzione sarà puntata sullo spagnolo del Chelsea Cesc Fabregas, con il quale nei mesi scorsi Fassone e Mirabelli hanno avuto diversi contatti, e sul difensore del Villareal Musacchio, anche lui a lungo inseguito la scorsa estate. Sul taccuino del duo Fassone – Mirabelli ci sono anche i nomi di Aubameyang e Keita. Se per il primo, però, la strada per il Milan sembra essere molto in salita alla luce delle tante pretendenti per il giocatore del Borussia Dortmund per il laziale Keita, invece, potrebbero giocare a favore del Milan le difficoltà della Lazio a rinnovare il contratto del giocatore, in scadenza nel 2018.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: