Inter, Ausilio incontra Zhang in Cina : pronti grandi colpi di mercato

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

Rinnovo Ausilio

Ieri sera l‘Inter ha affrontato a San Siro la Sampdoria ed è stata sconfitta in rimonta 1-2 dai blucerchiati. Un brutto ko per la compagine nerazzaurra che si allontana forse, definitivamente, dalla Champions League e mette a rischio anche l’accesso all’Europa League.
Nonostante il campionato non sia ancora finito e i risultati siano al di sotto delle attese, l’Inter si sta già muovendo per il mercato estivo. Il ds Piero Ausilio nei giorni scorsi è volato in Cina, precisamente a Nachino per incontrare la società Suning ed il presidente Zhang.  Scopo del summit, la pianificazione degli obiettivi per la prossima stagione con i dirigenti cinesi che confermano così la propria fiducia in Ausilio, il quale, probabilmente, nei prossimi giorni firmerà un rinnovo pluriennale.

Manolas o De Vrij per la difesa, Rodriguez per le fasce laterali e in attacco Berardi, ecco i principali obiettivi dell’Inter. Benchè sussistano ancora i vincoli del fairplay finanziario, Zhang Jindong ha ribadito che vuole investire ingenti somme di denaro, tra i 150 e i 200 milioni di euro con l’obiettivo di competere con la Juventus in Italia e cercare di entrare in Champions, competizione che permetterebbe al brand un grande prestigio e sviluppo.

Leggi anche:  Colpo del Manchester United, in arrivo un difensore dal Real Madrid

Ieri prima della partita con la Sampdoria, Ausilio è stato intercettato da Premium Sport ed ha rilasciato alcune dichiarazioni : “ Sarà un mercato serio il nostro, non mi piace parlare di cose che non possono essere quelle che potrà portare la realtà. Cerchiamo di fare poche cosa ma fatte bene, l’Inter è una squadra che ha già dei valori, non vogliamo cambiare troppo una squadra che sta funzionando.” il ds ha poi continuato “ Budget di 150 milioni?  Dobbiamo fare ancora attenzione ad alcuni paletti che la Uefa non toglierà dal primo giorno di luglio, dobbiamo stare attenti a queste cose, poi se si può spendere è meglio. Il futuro di Pioli? Non dipende dal terzo posto, va oltre ad una partita o ad un risultato. I risultati sono buoni, si sta lavorando tantissimo, poi può anche succedere che non si vinca una partita. Abbiamo nove finali, nove partite importantissime da giocare al 110%”:

  •   
  •  
  •  
  •