Calciomercato Inter, Borja Valero è vicino mentre si sogna Di Maria

Pubblicato il autore: Marco Alessandri Segui

mercato inter

Dopo tanti nomi, sessantaquattro per l’esattezza, ecco che finalmente l’Inter è vicina a chiudere il primo colpo in entrata. Per Borja Valero, Ausilio e Sabatini sono pronti a offrire circa 5 milioni di euro. A Firenze ne chiedono il doppio. La sensazione è che si possa arrivare a un accordo per una cifra intorno agli otto milioni. Intanto, il tecnico nerazzurro Spalletti smentisce l’interessamente per il metronomo viola attraverso delle classiche dichiarazioni di facciata, secondo le quali l’Inter, a centrocampo, sarebbe già a posto così. La verità, però, è un’altra. I nerazzurri, infatti, stanno cercando di piazzare qualche uscita già entro il 30 giugno in ottica fairplay finanziario. Così si spiegano i contatti continui con il Siviglia per Banega (ma anche per Jovetic) e con l’Everton per Brozovic. L’argentino è pronto a tornare in Spagna, ma alle sue condizioni. Tradotto: non vuole in alcun modo fare un sacrificio economico andando ad accettare uno contratto meno remunerativo rispetto a quanto percepisce oggi a Milano (3 milioni netti a stagione). La sensazione è che un accordo verrà trovato, magari con una proposta di ingaggio meno pesante ma con una durata maggiore.
Diverso il discorso per Brozovic. Il croato, dopo la pessima stagione passata, sembra essersi convinto nell’accettare una proposta dall’estero. In realtà, in una delle prime conferenze stampa dal suo arrivo, il tecnico Spalletti ha dichiarato di ritenere il ventitrenne ancora funzionale al progetto. Contro la sua conferma si è, invece, schierato gran parte del pubblico nerazzurro, stanco delle prestazioni altalenanti del croato, tra (poche) giocate di classe e (tante) pause.

Leggi anche:  Inter, ultime infortunio Correa e Vidal: cosa trapela in vista della Fiorentina

Capitolo Di Maria. Ormi  non è più un segreto, il grande sogno del mercato nerazzurro è proprio El Fideo, attualmente al PSG. Sia chiaro, non è assolutamente una trattativa facile, sia per le richieste della squadra parigina (si parla di oltre 50 milioni di Euro) che per l’ingaggio dell’argentino, che in un primo colloquio ha chiesto 10 milioni netti all’anno, il doppio di quanto spetta attualmente a Icardi.
La potenza economica di Suning, come ha già dimostrato, è in grado di portare a Milano quei top player che da tempo non si vedono ad Appiano. Il problema, semmai, è proprio nella’ingaggio dell’ex Real Madrid. Accontentando la sua richiesta, si rischierebbe di dare vita a un effetto domino all’interno dello spogliatoio nerazzurro, che alla lunga potrebbe portare malumori tra i giocatori.
Vale comunque tentare, perchè se l’Inter vuole davvero tornare a lottare per obiettivi importanti, l’acquisto di top player diventa una prerogativa, con buona pace dei vari Eder, Biabiany, Medel e di chi vedrà un abisso tra il proprio stipendio e quello dei nuovi arrivi.

  •   
  •  
  •  
  •