Mercato: ipotesi Suso per la Fiorentina, maxi scambio col Milan

Pubblicato il autore: Francesco Picciocchi Segui


Clamorose le voci che rimbalzano da Firenze, le quali vorrebbero la Fiorentina interessata a Suso, esterno d’attacco del Milan . Per ora si tratta solamente di un’ipotesi assai difficile da percorrere e ben lontana dall’essere una vera e propria trattativa. Sta di fatto che la società viola, anche per placare le ire della piazza dopo i vari addii di Vecino e Borja Valero all’Inter di Spalletti, del portiere Tatarusanu al Nantes, di Gonzalo Rodriguez ma soprattutto il tradimento stile Roberto Baggio da parte di Federico Bernardeschi che ha voltato la spalle alla curva Fiesole per abbracciare la maglia bianconera, sta cercando il colpo ad effetto che possa riconciliare almeno in parte un ambiente diviso e che si preannuncia rovente in vista dell’inizio del campionato.

Ecco quindi che spunta Suso, il forte esterno rossonero per il quale la società viola potrebbe essere disposta ad un ulteriore sacrificio: in particolare si tratterebbe di una maxi operazione che vedrebbe coinvolti molti calciatori, ovvero lo spagnolo si accaserebbe alla corte di Stefano Pioli, mentre l’attaccante croato Kalinic e il centrocampista Badelj, giocatori molto graditi al tecnico Vincenzo Montella, farebbero il percorso inverso, oltre ad un discreto conguaglio economico a vantaggio dei rossoneri. L’ipotesi in questo particolare momento in cui il Milan sta conducendo una sontuosa campagna acquisti e non vuole privarsi dei suoi pezzi pregiati andrebbe collocata più in un’ottica fantacalcistica a dire il vero, ma si sa che in tempi di calciomercato, sopratutto dopo gli ultimi colpi di scena, nulla è impossibile.

Leggi anche:  Verona, infermeria in affollamento: anche Kalinic va ko

Un altro fattore che allontanerebbe Suso dalla piazza di Firenze e allo stesso tempo inviterebbe alla calma tutti i tifosi milanisti è il fattore coppe: il Milan dovrà affrontare il turno preliminare contro i rumeni del Craiova allenati da Devis Mangia (una squadra modesta a dirla tutta) per poter proseguire nel cammino europeo mentre la Fiorentina è tagliata fuori da ogni tipo di competizione internazionale, aspetto che rende molto difficile l’acquisto di Suso per il quale il Milan ha precedentemente rifiutato offerte ben più corpose da parte di club prestigiosi come il Tottenham che garantiva al giocatore la possibilità di disputare la prossima Champions League. Inoltre, a Firenze c’è l’ennesima ricostruzione in atto, con i proprietari della società, i Della Valle che hanno intenzione di vendere il club, il che non assicura al calciatore spagnolo un progetto ambizioso e vincente in tempi brevi come quello del Milan.

Leggi anche:  Fiorentina, a gennaio all-in su Caicedo per Prandelli

Infine le stesse scelte di Suso e della società rossonera fanno presagire che questo connubio durerà per almeno un altro anno, infatti da parte dei dirigenti rossoneri non c’è stato e non c’è alcun dubbio sulla permanenza dell’esterno a Milano nonostante il rinnovo non sia ancora arrivato mentre lo spagnolo ha appena cambiato il proprio procuratore, affidandosi ad Alessandro Lucci, figura molto vicina agli ambienti milanisti e alle figure dei direttori Fassone e Mirabelli, oltre ad essere colui che cura gli interessi del tecnico rossonero Vincenzo Montella e del neo acquisto Leonardo Bonucci. Tutti questi motivi fanno credere che la trattativa SusoFiorentina sia almeno per il momento una pista molto difficile da percorrere con buona pace dei già sognanti tifosi viola.

  •   
  •  
  •  
  •