Barcellona, Iniesta: ” Non ho ancora rinnovato, sto pensando al mio futuro”

Pubblicato il autore: Benedicta Felice Segui

Andres Iniesta il centrocampista del Barcellona torna a prendere in considerazione l ‘idea di abbandonare il Barcellona dopo il contratto il scadenza con i blaugrana nel 2018 che non è scontato possa essere rinnovato. Infatti, in un’intervista rilasciata “El Pais” riguardo il suo futuro ha affermato: “In effetti non ho ancora rinnovato. Ho sperimentato molti sentimenti, ma penso che sia normale in questi casi. E’ uno scenario che anni fa nemmeno avrei mai immaginato. Sto pensando al mio futuro come mai fatto prima. Questo club non deve perdere il rispetto per chi ha dato la vita per questi colori. A volte si potrebbe perdere questa sensazione”. Proprio a causa dell’eventualità di cambiare squadra, una di queste potrebbe essere l’Inter, la società alla quale è stato accostato come probabile alternativa.
Iniesta è considerato uno dei migliori giocatori della storia del calcio spagnolo in particolare della sua generazione. Il giocatore è stato abile nel vincere otto campionati spagnoli, sette Supercoppe spagnole cinque Coppe del Re, quattro UEFA Champions League, tre Supercoppe UEFA e tre Coppe del mondo per club FIFA. Iniesta ha ottenuto delle vittorie a livello individuale e collettivo. Ad esempio, nel primo ambito ha vinto il UEFA Best Player in Europe Award nel 2012 mentre il 14 ottobre 2014 diviene il primo calciatore spagnolo nella storia a vincere il Golden Foot. Inoltre, non per ultima importanza nel 2010 si è classificato al secondo posto dietro a Messi nella classifica del Pallone d’oro FIFA. Dal punto di vista tecnico è dotato di leggerezza, versatilità, agilità, tutte caratteristiche che consentono di ricoprire vari ruoli di centrocampo. Iniesta dimostra una grande abilità negli spazi stretti e nel nascondere la palla all’avversari. La sua particolarità è la “croqueta” un dribbling che consiste nello spostare la palla da un piede all’altro nel modo più veloce possibile. Dotato di una grande agilità è in grado anche di giocare come esterno d’attacco, mettendo in evidenza come punti di forza il controllo di palla, il fraseggio, la precisione nei passaggi e la visione di gioco caratteristiche che lo rendono inoltre un ottimo uomo assist.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Le italiane in Europa: un primo bilancio delle "7 Sorelle"