Gabigol in prestito dall’Inter al Benfica, ecco i dettagli dell’intesa

Pubblicato il autore: Daniele La Rocca Segui


Gabigol
cambia squadra, il suo passaggio dall’Inter al Benfica è cosa fatta, dopo aver rifiutato tutte le destinazioni ha optato per il prestito in maglia nerazzurra.

Gabriel Barbosa Almeida, semplicemente Gabigol, arrivato lo scorso anno all’Inter come nuovo crack, durante la prima stagione di ambientamento ha deluso totalmente le aspettative. Il 21enne ha collezionato 111 minuti in 9 partite di serie A, è andato a segno una sola volta contro il Bologna, poco ultilizzato, con la pressione del voler, a tutti i costi, mostrare il suo valore con giocate di grande difficoltà e di dubbia riuscita. Ha perso fiducia in se e anche quella di tifosi, allenatore e giornalisti.

In una stagione non proprio rose e fiori per la squadra nerazzurra, lui poteva essere il salvagente, ma non lo è stato, è sceso dalla nave prima di tutti. Finito il campionato, cambia l’allenatore, Gabigol pensa di poter convincere Luciano Spalletti e crede di poter essere il giocatore in casa per stupire; purtroppo lo crede solo lui, durante il precampionato delude ampiamente, non riesce a portare a termine giocate semplici, vuole strafare e come in passato non riesce.

Leggi anche:  Carlo Nicolini (Shakthar D.) a SuperNews: "Siamo in crescita, con l'Inter mi aspetto una bellissima partita. De Zerbi un top trainer"

Walter Sabatini, direttore sportivo del gruppo Suning, ha una grana in più da risolvere, oltre ad accontentare Spalletti, deve sfoltire la rosa e Gabigol ora rientra nella lista degli esuberi.
L’idea è quella di cederlo in prestito per fare in modo che si valorizzi e successivamente l’Inter potrebbe decidere se sfruttarne le potenzialità o guadagnarci economicamente. Il mercato di riferimento per la cessione è quello portoghese con Sporting Lisbona, Benfica e Porto su tutte che cercano di accaparrarsi il giovane ventunenne attaccante dell’Inter. Il problema del piazzamento è anche l’ingaggio, il calciatore percepisce 2,7 milioni di euro l’anno e per una squadra che lo vuole in prestito non è semplice caricarsi del cartellino di Gabigol. Il Porto si ritira dalla corsa, rimangono Benfica e Sporting Lisbona; la squadra delle “Aquile” detiene anche il cartellino di un calciatore gradito all’Inter: Lisandro Lòpez; ciò farebbe pensare ad uno scambio di prestiti. Problemi bancari bloccano lo Sporting Lisbona, il Benfica toglie dal mercato il calciatore gradito all’Inter causa infortunio di un compagno di reparto. L’Inter però vuole approfittare della massima vetrina europea per mettere in mostra Gabigol, il Benfica dal canto suo è disposto a caricarsi di gran parte dei costi del cartellino di Gabigol, trovati i presupposti l’affare si può chiudere.Prestito secco di un solo anno, da 500mila euro, con contributo di parte dell’ingaggio di Gabigol pagato dall’Inter, mentre la fetta più grande contribuita dai portoghesi.

Leggi anche:  Carlo Nicolini (Shakthar D.) a SuperNews: "Siamo in crescita, con l'Inter mi aspetto una bellissima partita. De Zerbi un top trainer"

Evidentemente la presenza di numerosi connazionali fa in ha convito G sia convinto di accettare, così come la Champions League fa gola al brasiliano. Il calciatore ha ponderato la sua scelte perchè ci tiene al proprio rilancio e ogni decisione, in un momento così delicato è alquanto importante. La partenza di Gabigol ormai imminente si unisce a quella di Jovetic passato al Monaco per 10 milioni di euro. La doppia cessione potrebbe spingere l’Inter a intervenire di nuovo sul mercato con Keita grande obiettivo per il reparto avanzato.

  •   
  •  
  •  
  •