Ancelotti Milan, Mirabelli chiude all’ex tecnico rossonero

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Ancelotti Milan. Mirabelli conferma Montella

Nonostante la sofferta vittoria contro il Rejika in Europa League e la partenza difficile in campionato il Milan si stringe attorno al proprio tecnico Vincenzo Montella. Dopo la sconfitta contro la Sampdoria sul tecnico napoletano sono piovute numerose critiche che unite all’esonero di Carlo Ancelotti dal Bayern Monaco hanno finito per alimentare sempre più voci negative sul suo futuro. Ancelotti al Milan infatti sembra essere adesso più che una “pazza” idea per il futuro del club rossonero con l’ex allenatore del Real Madrid tornato nuovamente libero. Ma da casa Milan, nonostante una quadratura del cerchio a livello tecnico e tattico che tarda ad arrivare, ieri è arrivata la conferma della volontà di proseguire con Montella. A rinsaldare la posizione del tecnico sulla panchina rossonera è stato il Direttore Sportivo del Milan, Massimo Mirabelli che, prima della gara contro il Rejika, ha espresso tutta la propria vicinanza nei confronti dell’attuale allenatore del Milan allontanando ogni ipotesi di sua sostituzione in corso.

Ancelotti Milan, le parole del D.S. Mirabelli

“Dispiace per Ancelotti, ha dimostrato di essere uno dei migliori allenatori al mondo. Ci dispiace da sportivi, noi abbiamo un allenatore più giovane di Ancelotti ma bravissimo come Ancelotti. Crediamo in questo progetto con Montella e vogliamo arrivare fino alla fine del percorso con lui. Noi dalla nostra diciamo che ci teniamo ben stretti Montella”.

Mirabelli ha quindi confermato la fiducia della società nei confronti dell’attuale tecnico rossonero al quale spetterà adesso dare la giusta impronta al suo Milan: in questa prima fase della stagione la squadra milanista ha faticato a trovare una propria fisionomia tattica risentendo in maniera forse inaspettata del cambio di modulo dettato dalle scelte di mercato fatte in estate dalla società rossonera. Il tanto auspicato passaggio al 3 – 5 – 2 non sta dando i frutti sperati con la squadra apparsa nelle ultime uscite fragile in difesa e poco concreta nella manovra offensiva. Sono questi i due aspetti sui quali dovrà lavorare duramente Montella per ripagare la fiducia della società e per soddisfare i tifosi sempre più esigenti dopo il gran mercato estivo fatto dalla nuova proprietà cinese. Intanto, l’esultanza al 3-2 di Cutrone conto il Rijeka ha dimostrato che la squadra è dalla parte del tecnico e, questo, in un momento di crisi di gioco e risultati è già una notizia

  •   
  •  
  •  
  •