Calciomercato 2017/2018, pagelle Serie A: Milan spendaccione, 7,5 alla Juventus, 7 all’inter, 6,5 al Napoli

Pubblicato il autore: Salvatore Masiello Segui

Le pagelle del calciomercato 2017

Il calciomercato si ferma e da appuntamento al prossimo gennaio. Alle 23 di giovedì 31 agosto 2017, infatti, si è chiusa la campagna trasferimenti  estiva dopo tre mesi ricchi di emozioni, grandi acquisti e qualche spesa folle. Protagonista principale è stato certamente il Milan, il quale grazie alla nuova proprietà cinese è tornato si è rafforzato molto e punta almeno al ritorno in Champions League, stesso obiettivo della nuova Inter di Spalletti. Entrambe, insieme a Napoli e Roma, vogliono insidiare il dominio della Juventus, certamente non un’impresa facile visto che anche i bianconeri si sono ulteriormente rafforzati. Di seguito le pagelle delle 20 squadre di Serie A.

Juventus 7,5 – La Vecchia Signora ha iniziato questa nuova stagione in Serie A vincendo le prime due gare di campionato. Sul mercato, ha salutato due pezzi da novanta come Dani Alves (rescissione consensuale) e soprattutto Leonardo Bonucci, passato al Milan per 42 milioni. Per sostituirli è arrivato in prestito Howedes, profilo esperto e capace di ricoprire più ruoli in difesa, ma la sensazione è che verrà finalmente data fiducia a Rugani. L’ad Beppe Marotta, però, è riuscito a trattenere Alex Sandro (corteggiato a lungo dal Chelsea) e Dybala, per il quale secondo la stampa spagnola sarebbe arrivata una super proposta da 160 milioni dal Barcellona. In entrata, Matuidi è stato il colpo a centrocampo, un giocatore che certamente porta grinta ed esperienza internazionale, ma che forse è stato pagato un po’ troppo. C’è molta curiosità, poi, nel vedere all’opera il giovane Bentancur. Gli investimenti maggiori, però, hanno riguardato l’attacco, reparto già abbastanza folto e arricchito ulteriormente con gli acquisti di Douglas Costa e Bernardeschi, costati rispettivamente 46 e 40 milioni di euro. Toccherà ora a Massimiliano Allegri scegliere chi schierare: l’obiettivo è certamente trionfare ancora in Italia, ma soprattutto tornare in finale di Champions League e possibilmente vincerla stavolta.

Leggi anche:  Sky o Dazn? Dove vedere Spezia Juventus: diretta tv e streaming

Milan 8 – Dieci nuovi importanti giocatori per aprire un nuovo ciclo e tornare nell’Europa che conta: ecco come si è presentata la nuova dirigenza rossonera alla sua prima estate di calciomercato. Di Bonucci abbiamo già parlato e il suo acquisto permetterà a Vincenzo Montella di poter schierare la squadra anche con la difesa a tre, opzione già provata nel play off di Europa League. In questa prima parte di stagione hanno impressionato pure Ricardo Rodriguez e, soprattutto, Kessie (nonostante l’errore nell’ultima gara di campionato), mentre è ancora da scoprire il turco Calhanoglu, alla ricerca di una posizione ben precisa in campo. Il merito del Milan, poi, è stato anche quello di trattenere Gigio Donnarumma, lo scorso giugno veramente ad un passo dal lasciare l’Italia. Investimenti importanti anche in attacco, dove sono arrivati Andrè Silva e Kalinic, i quali, però, dovranno giocarsi il posto con il giovane Cutrone, vera rivelazione di questo inizio di stagione. In sintesi è stata costruita un’ottima squadra, ma ci vorrà un po’ di tempo per far rendere insieme al meglio così tanti acquisti.

Inter 7 – Anche i nerazzurri vogliono tornare in Champions League e per farlo hanno iniziato cambiando allenatore, affidando la squadra a Luciano Spalletti, considerato da molti il vero valore aggiunto. I tifosi si aspettavano almeno un super colpo come Vidal o Di Maria, profili difficili da prendere, ma nonostante questo il mercato ha visto l’arrivo di ottimi giocatori funzionali alle idee tattiche del tecnico toscano, a partire dall’ex duo viola Borja Valero-Vecino. Rafforzate anche le fasce arretrate con Cancelo e Dalbert, mentre al centro è arrivato solo Skriniar, anche se molto probabilmente serviva un altro profilo di alto livello in quella zona di campo. Fino all’ultimo si è provato a prendere Mustafi, ma sembra che sia stato proprio il tedesco a rifiutare la destinazione nerazzurra. Il ds Sabatini, però, ha fatto capire comunque che la società è pronta a muoversi concretamente anche il prossimo gennaio. Molto importante, infine, la permanenza di Perisic, a lungo corteggiato dal Manchester United e l’acquisto del giovane Bastoni dell’Atalanta, club dove rimarrà ancora per le prossime due stagioni.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Fiorentina-Inter: diretta TV e streaming, DAZN o SKY?

Roma 6,5 – Anche in questo caso il primo passo della società è stato affidare la guida del club ad un nuovo allenatore, ovvero Eusebio Di Francesco. Nella prima parte del calciomercato il ds Monchi è stato protagonista soprattutto sul fronte cessioni, visto che hanno lasciato la Serie A Rudiger, Salah e Paredes, portando nelle casse circa 100 milioni di euro, soldi quasi totalmente reivestiti. In difesa sono arrivati Karsdorp, Hector Moreno e Kolarov, mentre Gonalons ha arricchito il centrocampo. I colpi importanti sono arrivati in avanti, ovvero Defrel e, soprattutto, Patrick Schick, strappato alla concorrenza di tante big italiane ed estere. Il nazionale ceco è stato pagato 42 milioni (bonus compresi), acquisto più caro della storia giallorossa. La sensazione, però, è che quest’anno sarà più difficile arrivare nei primi quattro posti.

Napoli 6,5 – Gli azzurri non hanno fatto molto in questa campagna trasferimenti estiva. Soltanto tre gli arrivi: Mario Rui, Ounas e Roberto Inglese, il quale resterà al Chievo fino al 2018. Ceduti Strinic, Pavoletti e Zapata, per un guadagno di quasi 50 milioni. Il merito di De Laurentiis, però, è stato certamente quello di confermare i big, in particolare Insigne (accostato al Barcellona come sostituto di Neymar) e Mertens e Reina, fattore che avrà certamente fatto felice Maurizio Sarri. Qualcosa in più poteva comunque essere fatto, magari prendere un terzino destro da alternare ad Hysaj, ma la rosa rimane assolutamente competitiva.

Leggi anche:  Fiorentina - Inter 1 - 3, i nerazzurri tornano primi in classifica

Calciomercato, le altre: protagoniste Torino, Lazio e Samp, da valutare Fiorentina e Atalanta, male il Sassuolo

Ovviamente non solo le big protagoniste. La Lazio di Lotito ha venduto Keita al Monaco, ma si è rafforzata con Nani, arrivato in prestito con obbligo di riscatto, e con due giovani quali Neto e Jordao, arrivati per 26 milioni dal Benfica. Molto attivo anche il Torino, che ha si perso in extremis Zappacosta, ma ha trattenuto Belotti ed ha preso giocatori d’esperienza come Sirigu, N’Kolou e Burdisso. Il super colpo, però, è stato Niang, anch’egli arrivato nell’ultimo giorno di mercato per circa 19 milioni (prestito con obbligo di riscatto). Protagonista anche la Sampdoria, attualmente in testa alla classifica con 6 punti grazie anche al suo allenatore Marco Giampaolo, uno dei migliori in italia. I blucerchiati hanno ceduto Muriel ed hanno puntato su Duvan Zapata e su giovani come Murru e e Caprari. Occhio, poi, a Kownacki, la nuova scommessa del presidente Ferrero.

La squadra maggiormente rivoluzionata è certamente la Fiorentina (6-), pronta a dare il via ad un nuovo ciclo anche a causa della partenza di molti big. Cambio anche in panchina, dove ora siede Stefano Pioli, il quale punterà su Federico Chiesa e sul ‘Cholito’ Simeone. Anche l’Atalanta (5,5) ha visto partire alcuni pezzi pregiati, ma ha trattenuto Spinazzola e il Papu Gomez ed è pronta al ritorno in Europa. Tra le medio-piccole, invece, buon mercato di Cagliari (6,5) e Spal (6+)  che ha puntato tutto su Marco Borriello. Sufficienza ottenuta per Chievo, Genoa e Benevento, 5,5 a Bologna, Verona e Crotone, mentre deludono Sassuolo e Udinese, con quest’ultima che in extremis ha ceduto anche Thereau.

  •   
  •  
  •  
  •